Allo Spezia non basta un super Manzoni

È una sconfitta che fa male perché lo Spezia viene punito alla prima azione, uno schiaffo, quello del Bologna, che ha fatto girare la testa agli aquilotti. Nel primo tempo gli aquilotti pagano dazio subito. 15’: il piazzato di Bombardini diventa imprendibile, o quasi, per Santoni che tocca soltanto. Una frustata per la squadra di Soda che si trova subito a rincorrere. Gli aquilotti non si aspettano questo inizio e provano a riordinare le idee. Ma trovano la difesa del Bologna in grande serata, e diventa difficile trovare gli spazi giusti per Guidetti e Colombo. Non basta nemmeno la notte magica del baby Manzoni, imprendibile quando mette il turbo. È soprattutto lui che accende la spia dell’allarme nella difesa bolognese. Lo Spezia produce molto gioco ma perde la bussola negli ultimi sedici metri. È quello che manca a Guidetti e soci per agganciare un Bologna che si limita al compitino ma lo fa con personalità. Per questa ragione Soda, nella ripresa, getta nella mischia anche il nuovo acquisto Biso, arrivato dal Catania. Ma non basta. Anzi in chiusura di partita arriva anche in contropiede il raddoppio di Adailton.
SANTONI 5,5. Puntuale nell’ordinaria amministrazione ma quando deve tirare fuori dal cilindro la parata sopra le righe manca l’appuntamento. Vedi il gol di Bombardini su punizione. Si riscatta parzialmente nella ripresa su Marazzina.
GIULIANO 6. Roccioso. Magari, poco pulito nei suoi interventi ma sicuramente porta sempre a casa il risultato.
PECORARI 5,5. Qualche sbavatura qua e là nelle chiusure. Ma davanti ci sono clienti difficili. Da categoria superiore.
BIANCHI 5,5. Mette nel mirino chi transita dalle sue parti e non lo lascia più. Non perfetto, invece, quando si propone in fase di appoggio.
MANZONI 7. Il giovane, arrivato in prestito dall’Atalanta, continua a stupire per la sua vivacità. Quando scappa via sulle fasce diventa un problema fermarlo.
CAMORANI 5,5. Un gara tra luci e ombre, qualche lampo abbinato, però, ad alcune idee un po’ troppo confuse. (10’ st Gorzegno 6. Soda lo inserisce per dare più spinta sulle corsie laterali).
FRARA 6. È quello che deve mettere fantasia e geometrie, ci riesce. Soprattutto nella ripresa quando cresce sensibilmente rispetto al primo tempo (21’ st Biso 6. Al suo debutto al Picco. Osannato dai tifosi cerca di aiutare la squadra nell’assalto finale).
DO PRADO 5,5. Colpi da giocoliere, qualche imprecisione, alcune pause: di tutto e di più in questa serata per il fantasista.
SAVERINO 6. La solita partita, grinta e carattere per la squadra. Un mastino che si piazza sulla linea di centrocampo e concede pochissimi spazi agli avversari. Ma non convince quando prova la conclusione
GUIDETTI 6. Non è facile perché la difesa del Bologna si chiude bene, ma lui prova a sfruttare al massimo la sua velocità.
COLOMBO 6. Si muove tantissimo, come è abituato a fare. Cerca di mettere i suoi centimetri al servizio della squadra.
All. SODA 6. Concede fiducia a Manzoni e non sbaglia, ma questo non è un periodo particolarmente fortunato.