Lo Spezia non si schioda: un altro pari con il Pescara

Alberto Vignali

da La Spezia

Non va oltre il pareggio in un tranquillo ma importante match casalingo uno Spezia che rischia molto e lascia giocare poco un concreto Pescara bravo a sfruttare ogni occasione. La formazione bianconera poteva aspirare a qualcosa di più, ma alla fine il 2 a 2 che sta stretto ai padroni di casa, è il risultato finale all'Alberto Picco.
Sono i locali ad avere la prima vera occasione da rete nei primi minuti con Saverino che colpisce il legno della porta dopo un bel tiro, su punizione, da poco fuori area.
La storia si ripete,ma a favore degli ospiti dopo che l'arbitro fischia un atterramento sul limite dell'area spezzina. Inutili le proteste dei locali, batte Carozza che al 28' non sbaglia ed insacca al "sette" lo O a 1.
Nella ripresa al 51' Guidetti è bravo ad anticipare difensori e portiere, quindi davanti alla porta non esita e porta le squadre in parità. A questo punto i padroni di casa tentano il recupero limitando a tre la difesa ed avanzando gli esterni. Arriva così l'errore dell'estremo pescarese, Santoni sbaglia un rilancio ed è bravo Scarlato a portare in vantaggio lo Spezia. Piano all'89' ed i giochi sembrano fatti. Passa solo un minuto però ed Antonelli si trova sul piede una buona palla, da fuori area tenta la botta ed un gran tipo si insacca nell'angolo più alto.
Non c'e più nulla da fare. Il pareggio è sancito dal fischio finale ed anche se negli spogliatoi i locali recrimineranno per una vittoria a portata di mano e sfuggita quasi per malasorte, il finale lascia un po’ l'amaro in bocca.