Spezia tra partita e festa patronale

da La Spezia

Gara decisiva, oggi al Picco (ore 15), per lo Spezia che nel fine settimana della festa patronale dovrà assolutamente battere l'Arezzo, per ottenere quei punti necessari a sentirsi più lontani dal baratro della retrocessione. Una sfida importante in una città che sarà in pieno caos, con strade chiuse per la partita e per la fiera, un ingorgo annunciato che costringerà i più a muoversi a piedi.
Il tecnico Soda, al termine della seduta di allenamento svolta ieri mattina a Santo Stefano, ha chiesto ai tifosi di essere il dodicesimo uomo come sempre, perché la squadra ha bisogno di una carica in più. Ecco i convocati. Portieri: Santoni, Mondini; difensori: Giuliano, Nicola, Addona, Scarlato, Pecorari, Gorzegno; centrocampisti: Frara, Quadri, Padoin, Ponzo, Alessi, Saverino, Do Prado, attaccanti: Varricchio, Guidetti, Colombo, Guzman. Arbitrerà Ciampi di Roma.
«Fortunatamente abbiamo confermato Varricchio e Guidetti». Così il tecnico lancia la volata per l’importante sfida.«Cerchiamo di vivere la situazione con concentrazione. Battere l'Arezzo, in questo momento, dopo il cambio dell'allenatore, con Conte che torna a dare stimoli alla squadra, significherebbe mettere gli avversari in una condizione difficilmente recuperabile. I posti per la salvezza comincerebbero a contarsi meglio. Ci serve il pubblico delle grandi occasioni, trovare le motivazioni dentro di noi e riavere quella forza che ha caratterizzato i nostri migliori giorni».