La Spezia riappende 112 crocifissi

Rispettata una mozione di Giacomo Gatti (An) per mettere in ogni scuola l’immagine sacra

Il Comune della Spezia ha rifornito le scuole di crocifissi. In tutto 112 classi torneranno ad avere il simbolo sacro sopra la cattedra proprio nella città che nel 2002 aveva fatto registrare uno dei primissimi casi di intolleranza ai valori cattolici, quando un’insegnante aveva rimosso l’immagine del Cristo perché offensiva nei confronti di un alunno musulmano. Esattamente un anno fa però Giacomo Gatti, vicepresidente del consiglio comunale spezzino, aveva presentato una mozione, approvata con un solo voto contrario un’astensione e un consigliere uscito dall’aula, che impegnava l’amministrazione a far rispettare quanto ribadito più volte sia dal Consiglio di Stato sia dalla Corte costituzionale. In questi giorni l’esponente di An ha ottenuto una risposta scritta a un’interrogazione fatta per sapere a che punto fosse il rispetto di quella mozione.
L’assessore all’istruzione, Paolo Manfredini, gli ha fatto sapere che i crocifissi sono stati consegnati a tutte le scuole che ne avevano fatto richiesta, cioè a quattro istituti tra elementari e medie che, di fatto, nel complesso, non avevano evidentemente più 112 crocifissi nelle loro aule. «Sono molto soddisfatto dell’attenzione posta dal Comune alla vicenda - osserva Gatti -. Ora si tratterà di verificare che le immagini sacre non vengano però messe in qualche magazzino dalle scuole».