Lo Spezia rinasce con i baby talenti della Sampdoria

Lo Spezia risorge. E la Samp lo aiuta. Il progetto è ancora top secret ma già a buon punto. Gli incontri decisivi sono fissati per la fine di questa settimana e l’inizio della prossima. L’accordo è a tutto campo e va oltre il semplice discorso della rifondazione della squadra aquilotta. Anzi, va addirittura oltre il calcio.
La società ormai fallita e pronta a ripartire dalla serie D (nella speranza che venga accolta la richiesta di evitare l’inferno della Promozione) verrà rilanciata da Gabriele Volpi, presidente della Pro Recco di pallanuoto. Un patron vincente, campione d’Europa, che ha voglia, ambizione e soprattutto ottima disponibilità economica per risollevare una squadra che fino a pochi mesi fa aveva calcato i grandi palcoscenici del calcio che conta, sfidato il Genoa, battuto la Juventus. E fin qui, l’idea è di quelle che piacciono ai tifosi spezzini, ormai rassegnati a ricominciare con orgoglio da categorie che sembravano inimmaginabili fino a pochi anni fa. Sabato in Comune alla Spezia è già fissato un incontro tra Volpi e l’amministrazione comunale spezzina, allargata anche a quei consiglieri di opposizione che, superando qualsiasi colore politico, sono sempre stati al fianco del sindaco in nome della maglia bianconera.
Ma la vera chicca, la notizia che può far davvero sognare, è quella che vede la Sampdoria pronta a contribuire in maniera decisiva al rilancio. Innanzitutto «regalando» allo Spezia una squadra nuova. E molto forte. L’aspirante presidente Gabriele Volpi è infatti molto amico di Aldo Jacopetti, coordinatore del settore giovanile della Sampdoria. Un’amicizia che verrebe sfruttata con reciproca soddisfazione. Uno Spezia fatto dai baby più promettenti della società blucerchiata che, da parte sua avrebbe la possibilità di far giocare partite «vere» e far maturare esperienza ai suoi migliori talenti. In questo senso è previsto un incontro già lunedì tra Volpi e l’amministratore delegato della Sampdoria Beppe Marotta. Lo Spezia diventerebbe una sorta di società satellite che cercherebbe di tornare al più presto sui migliori palcoscenici del calcio. Con soddisfazione dei suoi tifosi e dei dirigenti di Corte Lambruschini.
Il progetto del rilancio dello Spezia comunque non passa solo dal calcio giocato ma anche dal possibile riutilizzo dell’ex centro sportivo della Marina, nel quale esiste una piscina che Volpi, pur sempre grande presidente di pallanuoto, saprebbe valorizzare e riadattare nella creazione di un impianto polifunzionale. Calcio, pallanuoto e altri sport per avvicinare ancora di più la città alla sua squadra.