Lo Spezia saluta la Tim Cup e aspetta un altro attaccante

Fuori a testa alta. Lo Spezia ha salutato la Tim Cup con l'onore delle armi. Sconfitto all'ultimo minuto (1-0, gol di Masiello ndr) dell'extra time al San Nicola di Bari e la consapevolezza di avere un grande futuro davanti.
«Abbiamo giocato a viso aperto e siamo soddisfatti di quello che siamo riusciti a fare», ha commentato a due giorni e rotti di distanza Elio Gustinetti, tecnico dello Spezia che dalle due sfide di Coppa Italia, Val d'Aosta al primo turno e Bari a quello successivo, ha già potuto fare un bilancio di questa prima parte di lavoro alla guida degli aquilotti.
«La nostra prestazione mi ha soddisfatto - ha osservato il tecnico - anche se i ritmi in questa della stagione non sono ancora troppo elevati partite di questo genere rappresentano già un piccolo metro di giudizio. Di certo dispiace non averne altre a disposizione. Sarebbero servite anche a livello mentale per trovare quanto prima la condizione piena in vista del via al campionato (il 4 settembre contro l'Andria in casa, ndr)».
La squadra adesso serra le fila in vista dello start. Ci sono alcuni elementi da recuperare tra cui Testini (attaccante) e Vannucchi (rifinitore) e Gustinetti spera di impiegare il tempo che manca alla bandiera del via per avere tutti al meglio anche se i rumors parlano ancora di una ciliegina che Gabriele Volpi, presidente dello Spezia e Moreno Zocchi, vorrebbero mettere sulla torta preparata in questi mesi. Si parla di un altro attaccante.
Di un bomber da affiancare a Evacuo, Ferretti, Iunco, Cesarini e lo stesso Testini anche se un altro ingresso potrebbe determinare qualche uscita nel reparto offensivo. Nel frattempo Gustinetti, che oggi riprenderà la preparazione fisica, si concentra sul via. «Sappiamo che sarà dura - ha concluso - ma noi possiamo dare filo da torcere a tutti».