Spezia vince il derby Genoani tirano razzi

Aveva vinto il calcio. In un Picco gremito ecco sotto la pioggia l’atteso derby: gli aquilotti vincono 2-0 e per un attimo ci scordiamo le questioni di ordine pubblico della vigilia. Il prepartita si svolge in un contesto da G8 ma è calma l’affluenza dei tifosi tra i muri di container ed i circa 600 uomini delle forze dell’ordine. Il risultato penalizza il Genoa ed ecco i disordini del postgara: alcuni ultrà rossoblù lanciano razzi ad altezza uomo verso gli spezzini, nessun ferito, mentre alla stazione ferroviaria i tifosi spezzini riunitisi per «accogliere» i genoani vengono dispersi. Chiude il bollettino l’ultima performance dei supporter dei grifoni che sempre alla stazione infrangono le vetrate, saccheggiano il bar e affrontano gli agenti. Contusi un carabiniere e un poliziotto, arrestato un genoano. Nonostante le ansie da tafferuglio il protagonista del derby è un calciatore. Guidetti capocannoniere e mattatore del match, al 3’ pt sigla il vantaggio e al 39’ st, mentre la polizia si prepara a blindare l’uscita dei tifosi, blinda il risultato. Lo Spezia vince, nei dintorni dello stadio si sente l’odore di playoff. E la puzza dei lacrimogeni.