«Spiaggia di Marinella alla Lega delle Coop»

«Siamo un paese in mano alla Lega delle Coop, adesso manca solo che ci mandino anche il sindaco». Andrea Camaiora, capogruppo del Pdl in Comune a Sarzana, lancia l’allarme su un nuovo caso che ritiene «sospetto».
«Si tratta - spiega - del progetto di riqualificazione del litorale di Marinella di Sarzana. La zona è di proprietà della Banca Monte dei Paschi di Siena nella quale i diessini hanno molti interessi. Adesso si tratta di una zona sostanzialmente agricola, dove anche la qualità del tessuto urbano è bassa, con edifici che risalgono agli anni Cinquanta e Sessanta e sono brutti casermoni».
Sono anni che si parla di una riqualificazione turistica del litorale, anche di quello di Fiumaretta di Amelia, ma fino ad oggi la gente non ha visto fare dalle amministrazioni che si sono succedute, tutte di sinistra, passi avanti significativi.
«Il progetto che prevede un rilancio turistico della zona attende una svolta da trent’anni - sostiene Camaiora -, è stato già approvato in via generale dal Comune di Sarzana, ma fino ad oggi non si sapeva chi l’avrebbe realizzato. Invece io ho saputo che nonostante si parli ancora di trattative aperte sono sfumate del tutto le possibilità che sia l’EdilNord sia il gruppo Caltagirone si occupino dell’attuazione del progetto, di fatto l’accordo sarebbe già stato preso con la Lega delle Coop, in particolare con il gruppo Ccc di Bologna».
L’accordo - secondo Camaiora -, prevede che il banco dei Paschi di Siena ceda alla lega Coop il 75 per cento del territorio e che sia realizzato anche un porticciolo turistico. «Il totale dell’investimento è di 80 milioni di euro - conclude Camaiora -, e se sarà così potremo dire che la gente di Sarzana è controllata del tutto dalla lega delle Coop».