Spinetta: "Non obbligati a comprare"

Il titolo Alitalia perde il 27%. Bonanni: &quot;Gli esuberi? Sono 7mila&quot;. Via libera alla cassa integrazione per lo scalo lombardo. Il governo: &quot;Sea ritiri il ricorso&quot;. Scontri prima del vertice: un ferito (<strong><a href="/media.pic1?ID=442">le foto</a></strong>). Il piano francese: 1.600 esuberi, 500 sono piloti, 600 assistenti di volo

Roma - Spinetta continua sulla linea dura: "Non siamo obbligati ad acquisire Alitalia". Lo ha dichiarato il numero uno di Air France-Klm al tavolo con i sindacati. Il manager francese ha precisato dunque che se non ci sarà l’assenso dei sindacati entro il 31 marzo, la compagnia franco-olandese non è obbligata ad acquisire l’ex compagnia di bandiera italiana. Poi però si è lasciato andare: "Sono convinto che l’operazione sarà un successo. È un piano doloroso, ma poi decollerà e integreremo Alitalia come è successo per KLM". Spinetta è stato il primo ad intervenire al tavolo, illustrando l’offerta di Air France-Klm per l’aviolinea. Nel corso dei primi interventi i manager francesi si sono soffermati sulla garanzia di difesa dell’italianità di Alitalia. Si sarebbero poi soffermati sul nodo delle attività cargo che il piano di Air France prevede di ridurre gradualmente per arrivare ad una chiusura nel 2010. Dei 1.600 esuberi individuati da Air France-Klm nell’offerta per Alitalia Fly, 500 interessano i piloti, 600 gli assistenti di volo e 500 gli assistenti di terra.

Ad Air France 3.200 dipendenti AZ Servizi Le attività di AZ Servizi comprese nell'offerta di Air France-KLM per Alitalia comprendono circa 3.200/3.300 dipendenti su un totale di 7.600. I manager di Alitalia e Air France lo hanno indicato, secondo quanto riferiscono fonti presenti all'incontro, nel corso del confronto con i sindacati. Viene così confermata l'intenzione di Air France di acquisire solo alcune delle attività di AZ Servizi, ed in particolare quelle che riguardano la manutenzione leggera e parte dei servizi di handling aeroportuale. Restano escluse le altre attività tra cui quelle di manutenzione pesante degli stabilimenti Atitech di Napoli. Le restanti attività resteranno ad AZ Servizi che avrà un nuovo assetto azionario con una quota dell'80% in mano alla finanziaria del Tesoro Fintecna. Oggi AZ Servizi, al 51% di Alitalia ma controllata da Fintecna che ha il 49% delle azioni più un 2% di diritti di voto in usufrutto, gestisce per il gruppo Alitalia le attività di manutenzione, informatica, amministrazione, call center e servizi aeroportuale.

Spinetta ai sindacati: successo con il vostro sì "Auspichiamo di raggiungere, con voi e con ciascuna delle categorie che rappresentate, un accordo. Non esiste alcuna attività di servizio che possa avere successo senza l'adesione dei lavoratori. Con il vostro contributo, Alitalia potrà tornare alla profittabilita". Lo ha detto il presidente di Air France-Klm Jean Cyril Spinetta. Che poi ha spiegato: "L'apertura dei mercati e la liberalizzazione del trasporto aereo rendono indispensabile per la sopravvivenza il consolidamento del settore: si tratta, quindi non solo di creare i campioni europei di domani, ma anche di salvaguardare i posti di lavoro su un mercato sempre più concorrenziale. E' questa l'ambizione dell'offerta del Gruppo Air France-Klm, che desidera associare Alitalia in questa prospettiva". Il contesto economico nel quale si colloca la proposta del gruppo Air France-Klm, ha aggiunto "offre ad Alitalia una reale prospettiva di futuro e di rilancio". Quindi "il gruppo Air France-Klm non è qui per acquisire Alitalia - ha affermato - ma per verificare la possibilità, insieme con il personale di Alitalia, di partecipare alla creazione di un grande gruppo di dimensioni mondiali".

Il Tesoro invia la lettera di adesione all'offerta Il ministro dell'Economia e delle Finanze, Tommaso Padoa-Schioppa, ha inviato ad Alitalia e ad Air France-Klm una lettera contenente l'impegno ad aderire alle offerte pubbliche di scambio (per le azioni) e di acquisto (per le obbligazioni) da parte di Air France-Klm per la totalità dei titoli detenuti dal ministero stesso. Lo rende noto un comunicato di via XX Settembre nel quale si aggiunge che nella lettera viene inoltre specificato che "gli impegni assunti non saranno vincolanti nel caso in cui uno o più soggetti lancino un'offerta pubblica concorrente migliorativa e il ministero accetti tale offerta". 

Scontri con la polizia Momenti di tensione nel pomeriggio davanti alla sede della Magliana prima dell’avvio del tavolo fra Alitalia, Air France e sindacati. Davanti ai cancelli della compagnia circa 500 manifestanti di diverse organizzazioni sindacali, molti dell'Atitech di Napoli (per loro, ha detto poi il presidente di Alitalia Prato, non ci saranno soluzioni traumatiche). La polizia ha caricato alcuni dimostranti per impedire l’ingresso nella sede della compagnia e una persona è rimasta ferita. 

Borsa fredda Nemmeno l'ok del consiglio dei ministri alla vendita ad Air France sblocca la situazione di Alitalia in Borsa. Apertura molto volatile per il titolo della compagnia di bandiera, sospeso dopo pochi minuti per eccesso di ribasso, e riammesso solo in tarda mattinata. Il titolo della compagnia aerea, reduce dal tonfo della seduta precedente in cui ha bruciato il 26% della capitalizzazione, perde oggi un altro 29% a quota 27 centesimi, avvicinandosi sempre più ai dieci centesimi messi sul piatto da Air France. Nel corso delle contrattazioni il titolo, nonostante le ripetute sospensioni per eccesso di ribasso, ha registrato volumi consistenti: al momento sono passate di mano più di 60 milioni di azioni, che rappresentano circa il 4,5% del capitale del gruppo.

Bonanni: "Con questa offerta 7mila esuberi" Il piano di Air France-Klm per l’acquisizione di Alitalia comporta circa 7mila esuberi. Lo ha detto il segretario della Cisl Raffaele Bonanni, intervenendo a "Panorama del giorno" su Canale5. "Se dovessimo vedere confermate le intenzioni di Air France e del governo, che ci manda nudi alla trattativa con i francesi, gli esuberi dovrebbero essere circa settemila. Una cifra impressionante, un dato molto diverso da quello che il governo aveva detto sostenendo che proprio il basso numero di esuberi era il motivo per cui la scelta era stata indirizzata verso Air France e non verso altri", ha detto Bonanni. L’offerta di Air France-Klm prevede circa 1700 esuberi nella parte Fly, il resto presumibilmente viene da Az servizi, che gestisce i servizi di terra, anche se un dato ufficiale non è stato ancora reso noto.

"Dal governo atteggiamento detestabile" Secondo Bonanni il governo ha avuto nella vicenda Alitalia un "comportamento assolutamente detestabile". "Il governo non prende una posizione chiara, in modo tale da garantire dei punti di approdo. Allora, fanno tutto in silenzio, fanno tutto da soli e poi all’ultimo momento vogliono scaricare sulle nostre spalle la decisione, cucinano questa ministra acida e ci dicono ’o la mangi inacidendo anche tu, altrimenti ti prendi le responsabilità della minestra acida’", ha detto Bonanni.

Malpensa: via libera agli ammortizzatori sociali Accordo raggiunto al ministero del Lavoro tra governo, sindacati e regione Lombardia, province di Milano e Varese, e Sea - Sea Handling, sulla realizzazione del programma di gestione della crisi occupazionale di Malpensa. È una nota del ministero di via Veneto a comunicarlo. Contemporaneamente "il Governo chiede che Sea ponga in essere ogni comportamento coerente con la finalità di favorire la positiva conclusione dell’accordo tra Air France e Alitalia ritirando il ricorso presentato contro quest’ultima".

"Ora Sea ritiri il ricorso" "Da tale accordo dipende difatti il futuro, di comune interesse, di migliaia di lavoratori di tutta Italia e dunque anche di quelli che operano nello stesso aeroporto di Malpensa», ha spiegato il ministro del lavoro, Cesare Damiano. «In caso contrario la Sea non potrà che assumersi le responsabilità conseguenti. Alla decisione di revoca il Governo subordinerà ogni ulteriore iniziativa», ha concluso sottolineando come con l’accordo di oggi «il Governo onora l’impegno assunto con i lavoratori della Sea di garantirne la continuità del reddito e dell’occupazione a fronte della contrazione da aprile delle attività dello scalo di Malpensa derivante dal nuovo orario estivo di Alitalia".