La spinta a realizzare impianti

Cent’anni dopo i cinesi hanno avuto la loro Olimpiade, questo non significa che Milano sarà sede solo nel 2090. In fondo l’eventualità che la nostra città possa essere inserita fra le candidate ai Giochi del 2016 sarebbe quasi irrilevante, quattro anni prima saranno a Londra. Non esistono regole, ma si presume che i Giochi facciano un giro sempre più ampio prima di tornare in Europa, tanto che Parigi, bocciata, si è già prenotata come prima candidata per il 2024. Il duello con Roma è avvilente, è come prendersi a spinte per entrare per primi senza sapere se quella è la porta giusta. In realtà il gioco dovrebbe essere quello di mettere in moto una macchina che tolga Milano da una scomodissima posizione di classifica, la quintultima fra le città capoluogo come presenza di impianti sportivi, secondo l’ultima indagine Istat.