SPOGLIATOIO

nostro inviato a Verona

L’eroe di giornata evita microfoni e riflettori. Le uniche parole di Francesco Totti arrivano dall’intervista rilasciata a Sky prima del match. «Lo scudetto? L’Inter è una squadra fortissima – dice il capitano giallorosso -. Il mio futuro? Né allenatore né politico del calcio. Ora penso alla Roma, che ho preferito alla nazionale perché con una placca con undici viti dentro la caviglia, serve un po’ di riposo. I rigori? Vado sul dischetto tranquillo come quando li segnavo, solo che ora sono meno fortunato. Ma continuerò a tirarli perché sono un rigorista».
Luciano Spalletti è soddisfatto per la reazione mostrata da Totti dopo le polemiche. «È stato bravissimo, una garanzia. Parlando della rimonta, la squadra è cresciuta molto nel secondo tempo. Questo al di là dell’individualità di Totti e delle sue qualità».
Delneri accetta il verdetto del campo, anche se protesta per il secondo gol: «Secondo me era irregolare, Totti è stato bravo ma ha commesso fallo». L’arbitro Bertini è stato fatto oggetto di cori offensivi mentre lasciava lo stadio.