«Sporco negro»: così i giornali hanno dribblato la realtà

La questura aveva già smentito, ma molti quotidiani hanno gridato all’«odio razzista». Trasformando un fatto di cronaca in ideologia

L’Unità si distingue per l’approccio soft: «Odio razzista, ucciso ragazzo a Milano». Titolo cubitale della prima pagina di ieri del quotidiano fondato da Antonio Gramsci e passato nelle mani di Concita De Gregorio. A pagina 3, il tono è sempre sicuro: «“Sporco negro”. E lo uccidono a sprangate». È vero che in questura si parla d’altro, di rissa degenerata, si dice che il razzismo non c’entra. Come spiegare questa versione? Semplice: in questura «hanno provato a gettare acqua sul fuoco». «Ma è ovvio che il colore della pelle dei tre ragazzi ha inciso eccome nell’aggressione». Il caso è chiuso, praticamente. Solo che ieri il pubblico ministero ha detto l’esatto contrario.
La tragedia di Abdoul occupa anche il «primo piano» del Corriere della Sera. Alitalia è sì il titolo d’apertura della prima pagina ma, all’interno, la notizia del giorno è slittata fino alle pagine 5 e 6. La pagina 3 è tutta occupata dal ritratto del giovane massacrato a Milano: «Abdoul e quelle offese che non sopportava». Cioè gli insulti razzisti. Cioè, come spiega l’articolo dirimpetto, «“Sei negro”, ucciso a sprangate. Scontro politico sul razzismo». Il tutto corredato dai pareri dei neri d’Italia famosi, da Fiona May a Andrew Howe, per sapere se siano mai stati insultati per il colore della pelle. È tutto un parlare di nero, nera, razzisti, razzismo, negro, offese, tolleranza. La notizia è tutta lì, è parlare e rimuginare di quello, a nessuno interessa che un ragazzo di 19 anni sia stato inseguito e ucciso perché ha rubato dei biscotti dal bancone di un bar? Ma no, che c’entra. Quella è violenza ordinaria. Normale, normalissima.
Il problema è un altro: è l’«allarme xenofobia», come ha interpretato l’argomento la Repubblica, sempre pagine 2 e 3 del giornale di ieri. Siamo sempre lì, «“Sporco negro”: giovane ucciso a sprangate». A pagina 2 c’è anche un po’ di cronaca, «Ruba biscotti, ucciso a sprangate», poi, però, ecco quella frase, quell’insulto riportato come fosse la spiegazione di tutto: «Sporco negro, te la faccio pagare». Con tanto di chiosa del Pd: «Frutto del clima di odio nel Paese». Ci sarà dell’altro? Ci sarà, per caso, quello che ha detto ieri la sorella di Abdoul: «Così non si ammazza neanche un cane»? Forse, se rimane spazio. Tra un bla bla e l’altro.