0-0 a Cesena, la Juve di Allegri non decolla ancora

Seconda uscita stagionale per la Juve, ma l'undici di Allegri anche a Cesena delude

Delude ancora la nuova Juve di Allegri

Con la delusione per la sconfitta con il Lucento ancora viva, la Juventus al Manuzzi di Cesena cercava l'immediato riscatto. Un'altra occasione per il nuovo tecnico Massimiliano Allegri per valutare le condizioni generale della squadra e di alcuni nazionali. Contro i ragazzi di Bisoli, prima prova di un certo livello per i Bianconeri. Diversi i giocatori della Juventus non convocati per questo impegno estivo: Buffon, Tevez, Morata, Vidal e Barzagli sono rimasti ai box. In attacco dal primo minuto Allegri ha puntato su Llorente e Giovinco, mentre le chiavi del centrocampo sono state affidate a Pirlo. In porta impiegato Storari al posto di Buffon. Il Cesena di Bisoli è sceso in campo con una formazione fortemente rimaneggiata. Troppe le assenze specie a centrocampo. Per fronteggiare i bianconeri il tecnico del Cesena si affida al 3 - 5 – 2, con un centrocampo sperimentale per i troppi forfait. Stesso modulo per la Juventus. Fischio di inizio affidato al sig. Mariani.

La Juventus fa valere subito la sua superiorità e parte forte. Al 5' Pirlo prova la conclusione dal limite e costringe Leali al grande intervento. Campioni d'Italia, com'era logico attendersi, a comandare il gioco e il Cesena fatica a uscire dalla propria metà campo.Bianconeri che cercano le giuste soluzioni per andare a rete, ma mostrano poca velocità nel fraseggio. Al 19' minuto ancora Pirlo prova ad impensierire l'estremo difensore del Cesena, ma il suo tiro su punizione è centrale e non crea grosse difficoltà a Leali. Passano 26' prima che il Cesena riesca a rendersi seriamente pericoloso. Defrel con un gran tiro dal limite impegna Storari che devia sopra la traversa. La prima frazione di gioco si conclude senza grandissime emozioni e si va a riposo sullo 0 -0.

La ripresa inizia con l'inevitabile girandola di sostituzione. Per i campioni di Italia in campo Pepe, Caceres, Marrone, Asamoah, Marchisio e Ogbonna. Meno cambi per Bisoli che manda in campo Tabanelli e Garritano. La Juventus riparte forte e dopo 3' Giovinco va vicino al gol dopo una combinazione con Llorente. La girandola delle sostituzioni continua sia da una parte che dall'altra, con Bisoli che cambia anche portiere: al 64' dentro Agliardi al posto di Leali. Per i bianconeri entrano anche Spinazzola e Coman capaci di dare più vivacità alla manovra offensiva bianconera. Anche Llorente lascia il campo sostituito dopo 82'. Si arriva al 90', con l'arbitro Mariani che decreta quattro minuti di recupero. Di Tabanelli l'ultima occasione per sbloccare il risultato.

Finisce 0 - 0 con i Bianconeri ancora a secco di vittorie dopo due uscite stagionali. Una Juventus non brillantissima quella vista al Manuzzi, ma meglio decisamente nella prima frazione di gioco grazie a un buon Pirlo. I gol attesi dai supporter bianconeri non si sono visti, ma siamo solo agli inizi e per Allegri c'è tutto il tempo per migliorare i meccanismi di squadra. Buone indicazioni per Bisoli per un Cesena che, però, per ambire alla salvezza necessita ancora di non pochi arrivi.