Lady B si allinea: Milan a San Siro per un fatto affettivo

Come si scioglierà il nodo dello stadio del Milan al Portello? Non è ancora certo ma Barbara Berlusconi di "rispettare profondamente" del padre

MilanoE adesso come si scioglierà il nodo dello stadio del Milan al Portello? La risposta, nelle pieghe di un silenzio assordante delle parti interessate, è scontata: con una transazione per evitare che la parola fine sia dichiarata da un tribunale civile dopo un contenzioso della durata di dieci anni (2-3 milioni di penale la soluzione più accreditata). Nel frattempo lo staff di Barbara Berlusconi, che ha legato il proprio nome al progetto e all'iniziativa, ha fatto sapere di «rispettare profondamente» la decisione annunciata dal presidente Silvio Berlusconi il quale ha decretato il ritorno del Milan a San Siro. «Rispetto profondo perché si tratta di una questione che ha a che vedere con l'affetto per un impianto frequentato da ragazzo e con i magnifici ricordi dei trionfi vissuti dai colori rossoneri in quello stadio», la spiegazione completa che spazza via ogni interpretazione malevola.

A questo punto il Milan tornerà a sedersi al tavolo con Inter e Comune di Milano per proseguire nella collaborazione che è già in atto, che tra l'altro costa un canone impegnativo (7 milioni di euro l'anno) e che comporta, in vista della finale di Champions, l'anticipazione dei lavori di ammodernamento. Fininvest è sempre stata preoccupata, fin dalla pubblicazione del progetto, per l'ammontare dei costi di bonifica dei terreni del Portello sui quali sarebbe sorta l'arena rossonera e lo stesso mister Bee, informato della questione da dirimere, ha sposato la posizione di Silvio Berlusconi.

Questo non significa che Lady B e il suo staff cercheranno un'altra area ma nemmeno che lo stadio di proprietà sia destinato a rimanere un sogno nel cassetto. San Siro, al momento e in futuro, non può offrire ricavi ai club. Per reggere la concorrenza di inglesi, spagnoli e tedeschi, oltre che della Juve, il Milan ha bisogno di uno stadio di proprietà, dettaglio non trascurabile anche in vista della quotazione in Asia. Se ne riparlerà tra qualche anno, allora.

Commenti

Titanio

Mer, 16/09/2015 - 10:09

Sarebbe stato il COLMO il contrario!!! perchè LEI ha diritto di esprimere una opinione? credo non sia una donna stupida, purtroppo però è solo una figurina

linoalo1

Mer, 16/09/2015 - 10:43

Gli Stadi,nessuno escluso,sono destinati a diventare Cattedrali nel Deserto!Infatti,con la Tecnologia Moderna,sempre meno persone li frequenteranno!Personalmente,spendendo molto meno,me ne sto comodamente a Casa mia e vedo tutte le Partite che voglio!Ormai,questo è il Futuro!Gli Stadi,stanno ormai diventando Obsoleti e,sempre meno gente normale,li frequenterà!Quindi,caro Milan,con i Soldi dello Stadio,prenditi uno o più validi giocatori!Basta che non li scelga Galliani o Berlusconi!!!!

spina65

Mer, 16/09/2015 - 11:07

spazza via ogni interpretazione malevola? bastano le parole x convincervi di questo? vabbe' che per voi del giornale Berlusconi e' poco sotto gesu' cristo, d'altronde vi passa ottimi stipendi, ma questa dello stadio e' una buffonata bella e buona...in pieno stile cavaliere

Ritratto di bassfox

bassfox

Mer, 16/09/2015 - 11:29

povero pregiudicato, ormai anche nel calcio afferma, promette... poi si rimangia tutto!! nano, sei finito!

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Mer, 16/09/2015 - 11:43

Non è che in mancanza di capitali , tirate in ballo queste cretinate ? Ricordatevi sempre la favola della volte e dell'uva.