Eto'o si offre ma vuole troppo Il Real dà l'assalto a De Sciglio

L'ex interista chiama il Napoli, che è più interessato a uno scambio Zuniga-Matri. Ancelotti sogna il difensore rossonero e sarebbe disposto al sacrificio di Benzema

È l'assalto a Mattia De Sciglio che mette i brividi perché lo vuole il Madrid e qualunque sia il presidente di turno quando i blancos vogliono qualcuno in genere ci arrivano. Marca scrive che è un giocatore in assoluto stile Real, per Carlo Ancelotti è il nuovo Maldini e lo vuole far crescere nella Liga. Ernesto Bronzetti che divide la sua attività soprattutto fra i due club è in allarme e potrebbe escogitare qualcosa di clamoroso, Karim Benzema ufficialmente non è sul mercato e il suo agente Karim Djaziri ha finora rifiutato qualunque trattativa, ma se i blancos vogliono De Sciglio non possono pensare di cavarsela con i 12 mln di valutazione attuale del giocatore che ha un contratto in scadenza giugno 2016. Però in attacco è emergenza, Robinho infortunato, Pazzini fuori fino a novembre. Forse per depistare, ma Maxi Lopez si sta riavvicinando. L'argentino era già cosa fatta con gli arabi dell'Al Nasr, poi è scappato ed è tornato a Catania accolto a braccia aperte dal presidente Pulvirenti che ora forse potrà aprire alla cessione di Bergessio inseguito da Lazio e Napoli.
Del resto ci vuole una punta, tutti cercano una punta, sognando Samuel Eto'o.

Il presidente Kerimov dell'Anzhi ha sbarellato, ha chiamato big e seconde linee poi si è dichiarato: «Bamboli, sono finiti i soldi». Alla sola idea, all'Inter si sono messi tutti in punta ai seggiolini, ma siamo nel mondo dei fumetti, Samuel è il giocatore più pagato al mondo, a Kerimov costa 20 mln a stagione. Dovrebbe straridursi l'ingaggio e poi Kerimov dovrebbe lasciarlo partire a costo zero o quasi, del resto il camerunense ha il contratto in scadenza a giugno 2014. Non è confermata l'attenzione del Napoli perché Eto'o e Rafa Benitez, nel breve periodo trascorso assieme all'Inter, non sono diventati amicissimi, anzi. C'è però in mezzo anche il Chelsea di Josè Mourinho e quindi l'affare si complica maledettamente.

Il Napoli cerca qualcosa da mettere vicino a Gonzalo Higuain, l'offerta di Bigon alla Juventus per Alessandro Matri è di 10 mln, rimbalzata, Beppe Marotta ne vuole 15. Alla Juventus è un momento di riflessione perché Fernando Llorente al momento è fuori giri e Mirko Vucinic gli ha soffiato la maglia, con Quagliarella vicino al Sunderland di Paolo Di Canio che dopo Giaccherini cerca il secondo colpo in serie A. Girano voci insistenti sul parigino del Parma ex Inter Jonathan Biabiany, il colombiano Victor Ibarbo è sempre nel radar. Petkovic invece vuole Tim Matavz, colosso sloveno del Psv, prossimo avversario del Milan nel preliminare Champions. Claudio Lotito ha invitato Libor Kozak a togliere il disturbo proprio per liberare l'armadietto per questo ventiquattrenne che segna, sa giocare per la squadra, ha movimenti impensabili per la sua altezza che sfiora il metro e novanta. Il giocatore è seguitissimo anche dal Benfica che cerca una punta di peso che erediti la maglia di Oscar Cardozo, uno degli attaccanti segnalati proprio da Rafa Benitez.

Poi magari il vero colpo lo ha fatto la Ternana con il ventenne uruguaiano Felipe Avenatti, ex centravanti del River, stazza fuori range, piedi sopraffini, un crack per chi ha seguito il Mondiale under 20.