Alfa Giulia Veloce per chi vuole di più

È dedicata ai puristi del marchio e si colloca alle spalle della Quadrifoglio Trazione integrale Q4

Bruno De Prato

Cuneo Alfa Romeo ha completato la gamma Giulia sviluppandone una versione che è un concentrato di grande ingegneria, di alta tecnologia e di raffinatezza esecutiva: Giulia Veloce, una berlina emozionante come nessun'altra perché in più ha il fascino di un marchio che è una della grandi leggende dall'automobilismo mondiale. E Giulia Veloce ne raccoglie l'eredità più nobile e vincente, realizzando un filo diretto con le grandi Alfa Romeo del passato che hanno scritto la storia dello sport automobilistico su strade da leggenda, come quelle della Targa Florio, della Mille Miglia, della Carrera Panamericana. Giulia Veloce è l'Alfa Romeo del purista, dell'intenditore che non ha mai perso la sua fede nel Quadrifoglio e ora ne può rinnovare pienamente i riti ispirati alle straordinarie doti di guida, alla potenza esuberante ma sempre ben dominabile, al piacere di un ambiente di grande eleganza e comfort.

In questa versione, che si pone immediatamente dietro alla strapotente Quadrifoglio, i formidabili pregi dell'assetto della nuova Giulia si combinano con quelli di un sistema di trazione integrale tra i più raffinati oggi in produzione al mondo per compattezza e leggerezza, ma soprattutto per la razionalità con cui interviene per assistere al meglio il pieno utilizzo della potenza, senza snaturare la vocazione di un assetto nato per ridefinire l'eccellenza nell'ambito di quelli a trazione posterioe. Le motorizzazioni vantano potenziali prestazionali anche questi perfettamente in linea con la tradizione di eccellenza Alfa Romeo, con valori ai massimi livelli nelle rispettive classi.

Radicalmente nuovo, anche in ragione della struttura in alluminio non solo della testa ma anche del nuovo basamento, è il turbodiesel di 2.2 litri, accreditato di una potenza di ben 210 cv con qualità di erogazione eccezionalmente poderose fin dai regimi inferiori, il picco di coppia massima di ben 470 Nm si registra già a 1.550 giri, grazie all'adozione di un turbocompressore a geometria variabile e al sistema common rail operante con pressioni fino a 2.000 bar, il tutto gestito da un sistema elettronico estremamente avanzato che esalta la risposta in potenza a tutti i regimi e la fluidità di una progressione veramente poderosa, a sua volta gestita in modo impeccabile da un cambio automatico-sequenziale, con palette di selezione al volante, di splendida efficienza. Lo stesso cambio è associato anche all'altro propulsore, il 2.0 turbo-iniezione diretta con tecnologia MultiAir per una potenza massima di ben 280 cv, grintosissimo ed esaltante come solo i grandi motori Alfa sanno essere. Su un tracciato tortuoso (e inzuppato da una pioggia battente) che si snodava attraverso le colline delle Langhe, Giulia Veloce ha avuto modo di mettere in mostra tutta la sapienza della combinazione del suo assetto e della trazione integrale, che ha consentito di guidare con grande grinta, ma anche con assoluta sicurezza. I prezzi partono da 50.500 euro.