ALONSO NON SI FERMA«Una squadra super Adesso c'è da finire il lavoro in Ungheria»

Tre vittorie stagionali, trentesimo, multiplo di tre, successo in carriera e il mondiale numero tre che diventa un sogno concreto. Il tre è il numero perfetto anche per Alonso e la sua gioia è incontenibile sul palco di Hockenheim. Stravolto il cerimoniale Fia con Lauda che intervista i piloti davanti al pubblico. «Avevamo una macchina competitiva già dal sabato, sono partito dalla pole e questo è stato un fattore chiave. Era difficile superare, forse non eravamo i più veloci ma abbiamo mantenuto la posizione. Anche per il ritiro di Hamilton è stata una giornata fantastica», ha sintetizzato la sua gara perfetta lo spagnolo della Ferrari. Sulla gara poi rivela: «Chi era più minaccioso tra Vettel e Button? Vettel soprattutto per il campionato. Se pensiamo a dov'eravamo a Jerez a inizio stagione devo ringraziare tutta la gente di Maranello che ha reagito in maniera fantastica. Per l'Ungheria non vedo nulla per cui essere pessimisti. Luglio era un mese importante, abbiamo fatto un secondo e un primo posto, finiamo il lavoro. Voglio dare sempre il 100% per questo obiettivo». Di nome Mondiale.