Arrigo Sacchi smaschera Ruud Gullit: "Ecco cosa fece quando chiesi astinenza dal sesso"

Tra una chiacchiera e l'altra spunta fuori un simpaticoaneddoto piccante su Ruud Gullit

Arrigo Sacchi si confessa. Ricorda il 1988, l'anno che lo incoronò leggenda rossonera. In vista della sesta puntata di Man of the Match, il mister ha presentato la partita Milan-Napoli rievocando l'incrocio di quell'anno che lo rese celebre. Tra una chiacchiera e l'altra spunta fuori un simpaticoaneddoto piccante su Ruud Gullit, ex campione d'Europa, da lui allenato. "Una volta rispose per le rime a Berlusconi, che chiedeva trenta giorni di astinenza in vista della finale di Coppa dei campioni: 'dottore, io con le palle piene non riesco a correre'. Certo, qualche lavata di capo se l’è presa dal sottoscritto ma ne ha fatto tesoro", ha dichiarato Sacchi.

Poi l'ex allenatore ha parlato anche del suo rivale prima in campo e adesso anche in tv Giovanni Trapattoni: "Giovanni è un uomo straordinario, molto simpatico e generoso ma forse questo non è il suo lavoro". Infine su questo Milan, Sacchi rimpiange i tempi d'oro: "Quando la sua forza era nella squadra. Berlusconi ora è più incentrato sulla politica che sul calcio. Ci sono troppe persone"