«Atleti italiani ambasciatori nel mondo»

Ieri 80 degli 85 medagliati olimpici e paralimpici ricevuti dal presidente della Repubblica Napolitano. «Accolgo volentieri l'idea del presidente del Coni Petrucci di considerare anche gli atleti parte del nostro migliore made in Italy, da far conoscere e valorizzare nel mondo - ha sottolineato Napolitano -. Le loro vittorie sono proprio made in Italy, frutto della passione e del contributo di tanti, nelle nostre città e province grandi e piccole». Napolitano ha conferito l'onorificenza di Cavaliere di Gran Croce al segretario generale del Coni e capo delegazione a Londra Raffaele Pagnozzi. Valentina Vezzali, portabandiera azzurra, ha detto a proposito dello svecchiamento dello sport italiano: «Non so se in Italia ci sia troppa voglia di rottamare, il giovane da solo, senza esperienza, non va da nessuna parte. Esistono solo atleti più o meno capaci, lo sport è fatto di meritocrazia e nessuno ti regala niente».

Annunci Google
Altri articoli