Audi, Bmw e Mercedes-Benz avanti tutta

Tedeschi in fuga. Mini potenzia Clubman. Land Rover punta su Discovery

Fra i marchi premium tedeschi è Audi a proporre il maggior numero di novità al Mondial, tutte all'insegna del numero 5. I riflettori sono comunque puntati sulla seconda serie del Suv Q5, protagonista con la prima generazione dell'esplosione commerciale del segmento degli Sport Utility medi. Della prima serie, che ha rappresentato un punto di riferimento del suo settore, conserva quasi immutate le dimensioni ma la piattaforma è la nuova Mlb che ha già accolto Q7 e A4, nonché le nuove A5 che esordiscono sulla passerella del Mondial. La A5 Coupé è ormai pronta a entrare nelle concessionarie con una linea che si stacca da quella dirompente della prima serie per sposare il nuovo linguaggio stilistico inaugurato a Ingolstadt con la Q7. Sarà comunque la A5 Sportback a fare i maggiori volumi di vendita grazie alla carrozzeria a cinque porte. Per entrambe le A5 motori benzina e diesel al top e versioni S5 (già pronta per scendere in strada quella della Coupé) equipaggiate di un 6 cilindri turbo da 354 cv.

Non c'è a Parigi la tanto attesa Serie 5 ma sullo stand Bmw le novità non mancano. La prima è la rinnovata Serie 3 Gran Turismo che si presenta con una linea più snella e con motori più potenti ma più parsimoniosi nei consumi, affiancata, sullo stand, a un'importante evoluzione della Bmw i3 con la nuova batteria da 94 Ah che offre un incremento dell'autonomia di oltre il 50 per cento. Nel ciclo normale (Nedc) l'autonomia passa da 190 a 300 chilometri. Ma la vera novità della Casa bavarese è il concept X2 ormai pronto a diventare di serie come versione coupé della X1. Dei brand di Bmw Group al Mondial manca Rolls-Royce, ma c'è Mini che presenta la versione John Cooper Works di Clubman, la Mini familiare comoda per cinque persone con 360 litri di bagagliaio, che con il trattamento Jcw riceve sotto al cofano un due litri TwinPower Turbo da 231 cv. Novità di serie e concept car affollano lo stand di Mercedes-Benz. Tra le prime la Classe E in versione Station Wagon (in arrivo nelle concessionarie), l'ammiraglia delle familiari di Stoccarda che, appena nata, ha già un importante spin-off: la Classe E 4Matic All-Terrain, una Sw estrema (lo si desume anche dalla linea muscolosa) che svela l'anima off-road dell'ultima nata della Casa della Stella. Al centro dello stand, però, c'è la concept car Generation Eq, sigla che diventerà un brand destinato a tutte le future Mercedes elettriche: si parte, ovviamente, con un Suv sportivo. La nuova generazione di Smart è stata fino a oggi equipaggiata esclusivamente di motori a benzina, ma adesso è il momento di riscoprire anche la propulsione elettrica presente nella prima serie. Al Mondial debuttano le versioni electric drive di fortwo, coupé e cabrio, e di forfour spinte da un propulsore elettrico che offre un'autonomia di 160 km con ricarica completa delle batterie in appena 45 minuti attraverso il caricatore rapido offerto dalla Casa. Preceduto dalla versione Sport debutta, a Parigi, Land Rover Discovery, il Suv full-size a sette posti disegnato da Gerry McGovern per rispecchiare lo spirito d'avventura Above and Beyond dello storico blasone inglese che sta ormai completando il rinnovamento della sua gamma. Da Jaguar arriva tutta la gamma a trazione integrale e l'annuncio ufficiale della Xf Sportbrake per il prossimo anno.