"Avvelenamento da cibo", Cina indigesta all'Arsenal

Mertesacker e Giroud saltano l'amichevole con il Bayern, Kolasinac vomita in campo, problemi per Ramsey e Walcott. Wenger: "I medici pensano sia colpa del cibo"

Doveva essere la grande rivincita estiva dopo la clamorosa bastonata rimediata (in casa) in Champions. C’era un 5-1 da vendicare. Eppure la Cina, dove s’è giocata la prestigiosa amichevole internazionale, è risultata indigesta per l’Arsenal che si ritrova con mezza squadra kappaò. La colpa, a quanto pare, sarebbe del cibo offerto ai calciatori prima della partita contro il Bayern Monaco di Carlo Ancelotti a Shanghai.

Arsène Wenger s’è ritrovato con gli uomini contati. Il roccioso difensore Per Mertesacker e il centravanti francese Olivier Giroud non sono riusciti nemmeno a scendere in campo, il neoacquisto Sead Kolasinac ci ha provato a giocarsela ma è dovuto uscire nel primo tempo, subito dopo esser stato colpito da un attacco di vomito in campo. Le stelle Theo Walcott e Aaron Ramsey, invece, si son dovute accomodare in panchina.

Wenger, come riporta il Daily Mail, ha puntato il dito contro un virus. “I nostri medici credono che possa essersi trattato di un avvelenamento da cibo. Ci siamo ritrovati con Mertesacker, Giroud e Kolasinac fuori uso. Walcott e Ramsey hanno accusato sintomi più leggeri. Non ho idea di cosa possano aver mangiato”.

L’Arsenal, dopo aver subito il vantaggio tedesco su rigore di Lewandoski al nono minuto del primo tempo, ha riacciuffato la gara solo alla fine del recupero del secondo tempo, al 94esimo con Iwobi. Ai rigori, l’hanno spuntata i gunners.