«In Bahrain la F1 pensa solo a correre»

Manama. In Bahrain, il circus della Formula 1 non correrà alcun rischio. Ad assicurarlo, in un'intervista concessa al Mirror, è il patron Bernie Ecclestone, sicuro che i disordini provocati nel paese per il ritorno nel prossimo week-end di una gara già cancellata due anni fa non influiranno sul regolare svolgimento del Gp. «Non credo che la gente in Bahrain sia cattiva - le parole del boss della F1 - nè che vogliano cercare di colpire il nostro sport. Noi siamo terribilmente egoisti: vogliamo andare lì, fare una bella gara e ripartire».
Chiudendo gli occhi davanti alle richieste arrivate da più parti (l'ultima di un gruppo bipartisan di deputati inglesi) di non correre a Manama: «Noi sinceramente non capiamo - si è giustificato Ecclestone - gli argomenti per cui questa gente si combatte».