Balotelli accuse e scuse. Ma Twitter diventa un caso nazionale

Supermario espulso contro la Repubblica Ceca. Ma è meno colpevole di altre volte. Nella notte si scatena in un tweet. «Alla Confederations tifate per un'altra nazione». Poi ci ripensa: «Reazione ingiusta, chiedo scusa». Prandelli apprezza ma ammette che i cinguettii dei calciatori devono essere regolati

Mario Balotelli reagisce ai cori razzisti

Questa volta ha meno colpe di quante gliene vogliono appioppare. Ma la fama del bad boy è una bella rogna in giro per l'Europa, il mondo, soprattutto sui campi di calcio. Il falletto che ha convinto l'arbitro ad espellere Mario Balotelli, nella partita contro la Repubblica Ceca, poteva essere considerato preoccupante nel calcio femminile. E forse nemmeno. Quello maschile si compone di contrasti ed interventi anche più solidi e robusti. C'è fallo e fallo, e non sempre un intervento deve essere punito con l'ammonizione. Gli arbitri, e i commentatori moderni, faticano a distinguere mostrando discreta inconsapevolezza. Comunque Balotelli è stato punito con il rosso, e si è perso in un ignobile show tra calci e pugni alle pareti del tunnell prima di scomparire negli spogliatoi. Vabbè il senso di ingiustizia, ma non esageriamo con le sceneggiate, che pur sono di casa nel calcio.
Di più, nella notte si è scatenato su twitter, dimostrando un atteggiamento immaturo. Qui sta il problema. Balotelli è immaturo, troppo cassanesco, ci sono momenti in cui la luce si spegne, il cervello va in tilt e rovina il buono e il bello che gli capita di fare. «Scrivete pure quello che volete, ma alla Confederations Cup tifate per un'altra nazione, ve lo dico con il cuore. E rivedete la partita bene, tutta», ha scritto, dimenticando che non si può dire tutto quanto passa per la testa, soprattutto se si gioca per la nazionale. La mania dei tweet sta diventando un altro aspetto da curare e regolare, in nazionale e nelle squadre di calcio. Gli atleti, non solo i calciatori, usano e talvolta abusano. La libertà di scrivere è bella, ma bisogna saperla usare. «Nei prossimi giorni avremo modo di parlare anche di questo», ha spiegato Cesare Prandelli che si è accorto del pericolo. Qui se esagerano sono guai.
Per fortuna la notte porta consiglio: Balotelli si è svegliato con testa fredda e idee più lucide. Ed ha cercato di restituire un miglior assetto alla sua credibilità. Ed ecco il tweet dell'altro Balotelli, quello che piace perfino agli americani. «Buon giorno.. Ieri la mia reazione non è stata giusta, chiedo scusa..Scusa..Alla mia squadra...Devo imparare...Ancora...».
Naturalmente qualcuno gli avrà allungato un consiglio e Prandelli ha potuto difendere ancora il suo giocatore che, sennò, sarebbe incorso nei lacci e lacciuoli dello stravagante codice etico varato dal ct. «Sinceramente, mi piace di più il secondo messaggio di Mario...». Ed ha soggiunto a far intendere che i consigli erano arrivati all'orecchio dell'interessato. «Lo deve capire: come tutti i grandi sarà sempre oggetto di provocazioni. Se supera anche quella prova dà una mazzata all'avversario, altrimenti è destinato ad essere sempre provocato».
Si, ogni tanto Supermario provoca anche il buon gusto e la sopportazione altrui. Bolt glielo ha detto via tweet salvo scusarsi. Ma è vero che ciascuno raccoglie quanto semina. E non basta un tweet a cancellare tutto. Intanto Mario dovrà scontare una giornata di squalifica ed è forse l'unica ragione da concedere ai suoi lamenti.

Commenti
Ritratto di il bona

il bona

Sab, 08/06/2013 - 19:47

Ma quell'incompetente di prandelli, quando si deciderá a cacciarlo? O il codice etico vale solo con i figliocci (Osvaldo, ad esempio)?Io, seguendo il consiglio del moro crestato, mi presto a tifare un' altra nazionale.

Ritratto di Simbruino

Simbruino

Sab, 08/06/2013 - 22:45

chi e´causa del suo male pianga se stesso , comunque supemario e´un caratterista per natura e potrebbe fare il pieno al botteghino come attore nel film panettone con De Sica il prossimo Natale. Zeman ha ragione, Balottelli si tira le critiche delle curve ( che poi gli arbitri somatizzano peggio dei carabinieri) non perche´e´nero ma perche´e´mezzo stronzo,,, ed assolutamete non diplomatico

Ritratto di indi

indi

Dom, 09/06/2013 - 10:24

Siamo in ambito sportivo, ciò nonostante, affiora la solita e ormai congenita omofobia antiberlusca. Altro che protezione ai gay! Proteggiamo il Cav! M'immagino se Balotelli fosse andato alla Cont'Agnelli dream team! Da repubblica alla gazzetta dello sport, le grida allo scandalo su l'espulsione di Balotelli. Ma si sa, Mario gioca nel Milan e allora avanti Savoia! Ma andate un po` tutti a c@g@re. Che scandalo c'è nel vedere un giovane di 22 anni che sfoga innocuamente e naturalmente la sua rabbia per un'espulsione immeritata? Sarà un bell'esempio quello di moggi e banda, o ancor meglio quando Blatter non ha premiato l'Italia campione del mondo in germania. Vi regalo platini, moggi e banda e anche blatter. Io mi tengo Balotelli!

Ritratto di Simbruino

Simbruino

Dom, 09/06/2013 - 14:38

IL problems di Balottelli non e´ che si vuole esprimere e divertire in casa , ma con questo nome che si sta´creando , un arbitro internazionale in una partita importante , anche una finale di coppa del mondo ,te lo espelle e te lo mette fuori , non appena si muove, giustificandosi che tanto e´Balottelli e ne commette di tutti i colori-