Balotelli, ora le critiche arrivano anche da Sgarbi e Cannavaro

Continuano a fioccare le critiche e gli attacchi contro Mario Balotelli, attaccante della nazionale finito sul banco degli imputati dopo la vergognosa eliminazione degli Azzurri dalla rassegna iridata. Gli ultimi a criticarlo sono Vittorio Sgarbi e l'ex capitano della nazionale Fabio Cannavaro

Balotelli, ancora critiche per lui

La clamorosa eliminazione della Nazionale italiana dai mondiali di calcio brasiliani ha causato una violenta ondata di polemiche contro allenatore, dirigenze e soprattutto atleti.

Inutile dirlo il più bersagliato è stato Mario Balotelli. Il centravanti del Milan ha ricevuto critiche, oltre che per le sue prestazioni decisamente sotto le righe, anche per l'atteggiamento provocatorio con gli avversari e lo scarso impegno durante gli allenamenti. Super Mario, sparito per qualche giorno dalle scene, è ricomparso postando sui principali social network un'immagine con il suo nuovo look: biondo, con sopracciglia ossigenate. La foto ha suscitato una lunga serie di commenti irrisori da parte degli utenti della rete.

Vittorio Sgarbi, critico d'arte di fama internazionale, ha criticato Balotelli nel corso di una lunga intervista apparsa sul settimanale 'Oggi'. Sgarbi ha definito Balotelli 'un cornuto', che ha scelto di giocare 'la carta del razzismo' per evitare le critiche ma la sua decisione gli si è rivoltata contro. Super Mario, a suo parere, sarebbe stato insultato per aver perso e per non essersi impegnato, non per essere di colore. I 'neri', come Balotelli ha dichiarato, lo proteggerebbero in quanto nero e non per aver perso. Di conseguenza, per Sgarbi, gli antirazzisti 'di professione' sono idioti che amplificano ogni tipo di insulto. Sgarbi ha dichiarato poi che il centravanti azzurro si sta 'bianchizzando', assumendo ogni tipo di esteriorità e privilegi dei bianchi dopo aver ottenuto il successo, sportivo ed economico.

Fabio Cannavaro, ex capitano degli Azzurri Campioni del mondo a Germania 2006, ha attaccato Supermario dichiarando che questi si è lasciato abbagliare dal successo e dal denaro, dimenticandosi che quello che più importa è ciò che un calciatore fa quando calca i campi da gioco.L'ex difensore di Napoli, Parma, Inter, Juventus e Real Madrid ha ammesso che Balotelli ha qualità eccellenti ma che non le ha ancora espresse pienamente. Questo ha fatto sì che si sia esaltato e si creda un campione, che abbia atteggiamenti da divo, che si distingua più per quello che posta sui social network che per ciò che fa in campo. Cannavaro ha auspicato che il prossimo CT della nazionale tenga conto, prima di convocare un giocatore, di quello che questi ha fatto con il suo club. Secondo l'ex capitano, è indispensabile che prima di venir convocati si abbiano conquistato risultati importanti con il proprio club di appartenenza. L'ex pallone d'oro ha così spezzato una lancia a favore dei suoi ex compagni in Germania e ha indirettamente attaccato tanti dei giovani convocati con l'Italia, con scarsa esperienza internazionale e pertanto colpevoli della scarsa personalità espressa in campo in Brasile.