La banda del meno nove, l'incredibile avventura della Lazio 1986-87

Un libro ripercorre la storia di una squadra entrata nella leggenda: dopo lo scandalo scommesse e con l'handicap in classfica, la formazione allenata da Fascetti conquista allo spareggio la salvezza

Estate 1986. L'Italia campione in carica è appena uscita con le ossa rotte dai Mondiali e il calcio italiano è scosso dal secondo scandalo scommesse nel giro di sei anni. E, come la prima volta, la Lazio si ritrova di nuovo costretta a pagare il conto del comportamento sciagurato di un suo ex giocatore. Così, dopo aver evitato per un soffio il fallimento e la scomparsa, dopo esser ripartita da zero, con dirigenza e giocatori nuovi, quella squadra, costruita per centrare la promozione in serie A, si ritrova improvvisamente condannata alla serie C. Divampa un agosto torrido, con Roma sconvolta da manifestazioni e scontri tra i tifosi laziali inferociti per l'ingiustizia subita e la polizia chiamata a difendere i dirigenti della Federcalcio e i giudici sportivi. È l'inizio di un'avventura incredibile, di un'annata di grande sofferenza in cui quel gruppo, guidato da Fascetti e figlio di un calcio antico, si conquista di diritto il suo posto nella leggenda della Lazio, al pari e forse anche più della squadra di Maestrelli e di quella di Eriksson, le uniche due fra le centoundici della storia della società capaci di vincere lo scudetto.
La banda del meno nove la racconta fedelmente, ripercorrendo attraverso i ricordi dell'autore Stefano Greco (che l'ha vissuta intensamente sia come giornalista al seguito della squadra che come tifoso) e dei suoi protagonisti (Fiorini, Fascetti, Caso, Gregucci, Terraneo, Poli e tanti altri) tutte le tappe della grande impresa: dal patto di ferro stretto tra Fascetti e la squadra nel ritiro di Gubbio alla salvezza conquistata undici mesi dopo nello spareggio con il Campobasso, passando per quella Lazio-Vicenza che per i laziali è ancora, a distanza di 25 anni, la Partita. Il libro è stato presentato nella Sala degli Arazzi in Campidoglio, con l'intervento dell'autore del libro (editore Castelvecchi Ultra Sport, 288 pagine, 16,90 euro), Eugenio Fascetti, Angelo Gregucci e Massimo Piscedda, oltre all'onorevole Alessandro Cochi, delegato alle politiche sportive del Comune di Roma.