Barcellona e Psg volano ai quarti senza patemi

Le vittorie conquistate all'andata avevano blindato la loro qualificazione, così Barcellona e Paris Saint Germain accedono ai quarti senza grossi patemi. Gli spagnoli potrebbero limitarsi gestire il 2-0 ottenuto a Manchester e invece nel primo tempo attaccano costantemente impedendo al City di poter allestire la benchè minima reazione. A Messi viene negato un netto rigore (lo stesso avverrà più avanti per Dzeko, pessima la direzione del francese Lannoy), Neymar si vede invece annullato un gol ingiustamente, poi nella ripresa la Pulce coglie un palo e, dopo un po' di sbandamenti nella difesa blaugrana, timbra al 67' il suo 67° gol in Champions, l'ottavo in 5 partite europee stagionali. Finale pirotecnico con il pareggio di Kompany per gli inglesi e il nuovo vantaggio del Barça nel recupero con Dani Alves.
I transalpini di Laurent Blanc sembrano scendere in campo un po' addormentati, forti del 4-0 maturato a Leverkusen e infatti subiscono il gol del Bayer con Sam dopo appena sei minuti, ma l'ex romanista Marquinhos rimette le cose a posto al 13'. I tedeschi falliscono un rigore (Rolfes si fa parare il tiro da Sirigu) ma non rinunciano ad attaccare, anche se poi devono arrendersi definitivamente quando Lavezzi, tornato al gol in Champions dopo tanto tempo, sigla il vantaggio definitivo del Psg che chiude addirittura in dieci.