BARELLI A MALAGÒ: «SE HO TRUFFATO MI DIMETTO, SENNÒ PAGHINO ALTRI»

Prosegue la querelle fra Federnuoto e Coni circa l'esposto che configura un'ipotesi di truffa aggravata riguardante la federazione del presidente Barelli, passato al contrattacco: «Se sarà confermato un reato di truffa aggravata, mi dimetterò. Ma se non è vero, non può finire a tarallucci e vino. Qualcuno dovrà pagarne le conseguenze, avendo fatto suo l'esposto». Malagò, presidente Coni, si è messo sulla difensiva: «Penso di aver fatto la cosa giusta perché in caso contrario ci potevano essere diverse interpretazioni. Non c'è nessun intento persecutorio». Barelli punta il dito anche contro il comunicato stampa del Coni sul caso. E Petrucci, ex numero uno, gli dà ragione:«Ho fatto esposti in passato ma questo cazzotto, questa pubblicità l'ho ritenuta esagerata».

Commenti

cicero08

Gio, 06/03/2014 - 18:48

Il presidente della federnuoto di fede PDL vuole metterla sulle scommesse. Bene, però,poteva autosospendersi in attesa dell'esito.