Benitez: «Higuain gioca al massimo non si rade»

Napoli Rafa Benitez scrive. Non soltanto sul sito, ma anche da editorialista sull'Independent. E parla della sua «ambiziosa» esperienza napoletana, soffermandosi su Higuain e Reina. Spiega che guarderà con attenzione il Manchester City degli spagnoli Negredo e Navas ma pure il Southampton di Osvaldo. L'ex allenatore di Liverpool e Chelsea ha anche parlato delle sue prime settimane a Napoli, partendo dalla scelta di Higuain di venire in azzurro: «A Napoli abbiamo avuto problemi simili a quelli del Tottenham che potrebbe perdere Bale. Noi abbiamo perso Cavani intorno a cui, come con Bale, era stata costruita la squadra ma siamo certi di aver risolto il problema con Gonzalo Higuain. Lui, come molti altri giocatori, aveva bisogno di sentirsi molto importante per il club, è una componente psicologica importante che a Madrid aveva difficoltà a soddisfare». Benitez ha parlato anche di Pepe Reina: «Sono felice di averlo in squadra. Sapevo che mi avrebbe dato non solo delle ottime parate. La gente non ha idea di che grande motivatore Pepe sia dietro le quinte».
Ultimo passaggio anche sulle riprese di «Colpi di Fortuna» il prossimo film di Natale di De Laurentiis che ha girato alcune scene a Castel Volturno con giocatori del Napoli. «Non sapevo di avere tanti attori in squadra!» scherza Benitez.
Che a Castel Volturno parla anche del Chievo, la squadra tabù dei partenopei che in trasferta hanno ha perso le ultime tre sfide di campionato, prendendo cinque gol e segnandone zero. «So che Verona è un campo difficile per il Napoli. Ma io non guardo al passato, noi andremo lì con una mentalità vincente, questo è l'importante».
E il Napoli è altrettanto carico, consapevole di voler vivere una stagione da protagonista. Sicuramente in campo ci sarà Gonzalo Higuain che dopo tutto il clamore sollevato dallo scivolone in barca a Capri guiderà regolarmente l'attacco azzurro, protetto solo da un cerotto per i punti che toglierà a inizio settimana prossima: «L'unico problema che ha è come farsi la barba - scherza Benitez - per il resto sta bene ed è pronto».