La bocciatura di Seedorf travolge anche Inzaghi

Il Milan non vuole un altro debuttante allo sbaraglio. Berlusconi sceglierà tra Spalletti, Montella e Prandelli

Questa volta non piange il telefono ma distende. Di primo mattino due chiamate hanno provato a cancellare l'elettricità provocata dai casi del giorno prima. Il presidente dell'Atalanta Percassi ha chiamato Galliani per scusarsi, a nome del tifo atalantino, per il lancio delle due banane indirizzate a Constant, e apprezzato il comportamento dei rossoneri coinvolti, in particolare De Jong che andrebbe premiato per averle raccolte e rispedite al mittente. La seconda telefonata è stata iniziativa del vicepresidente rossonero, indirizzata a Clarence Seedorf, per chiarire, in forma solenne, il senso della espressione "gergale" rubata dalle immagini di Sky sulla presenza di Honda in formazione al posto di Taarabt e utilizzata per riaccendere la singolar tenzone tra l'olandese e il dirigente più in vista del club. Può distendere il telefono ma non ha certo modificato i piani rispettivi. Per esempio la manager del tecnico è tornata in campo a Milano con incontri riservati e telefonate per valorizzare il lavoro del suo assistito nelle stesse ore in cui il presidente Silvio Berlusconi ha emesso il suo giudizio complessivo sul conto del Milan. «Non sono soddisfatto come non lo sono i tifosi, con la differenza che io ci metto i soldi» la sua risposta a mo' di battuta. Seguita dalla solita predica per la posizione in campo di Balotelli: «Un giorno chiederò a Mario: vuoi vincere? Allora devi stare vicino alla porta». Rinviata a fine maggio la decisione, già presa, sul conto di Seedorf.

La data indicata non è un calcolo politico ma una strategia calcistica che può far intuire il probabile scenario. Per la prossima settimana, infatti, è previsto un vertice ad Arcore tra il presidente e il suo ad di più vecchia data con all'odg il dossier allenatore. Sul suo tavolo il presidente vuole avere un quadro completo della situazione: il costo dell'esonero di Seedorf, più proposte concrete sulla successione, e una rosa di almeno tre professionisti da vagliare. In evidente calo le quotazioni di Pippo Inzaghi e non certo per l'esito del campionato Primavera. Sono altri i motivi che hanno indotto lo stesso Galliani a rinviare la promozione di Pippo: avrebbe esposto il Milan agli stessi rischi corsi con l'avvento dell'olandese, un debuttante lanciato allo sbaraglio. Deve accontentarsi di rappresentare il piano B. Perciò le proposte più attendibili al momento restano altre tre: una sicuramente praticabile, quella di Luciano Spalletti, già entrato nell'orbita Milan ai tempi di Ancelotti. Ci fu tra Spalletti, all'epoca allenatore della Roma, e l'ad rossonero un incontro riservatissimo in via Bigli che venne svelato dal tecnico toscano a un cronista romano. Poi non se ne fece più nulla e Carletto rimase saldissimo sulla panchina fino al completamento del suo periodo lungo 8 anni.

Secondo nominativo, più complicato, quindi potenzialmente irraggiungibile (c'è una clausola da 6 milioni di euro): Vincenzo Montella che ha espresso in modo evidente il suo disinteresse per una prosecuzione del rapporto con i viola. «Impossibile fare meglio» ha ripetuto nelle ultime ore. Infine c'è una terza ipotesi, ancora più difficile da realizzare e che porterebbe addirittura sulle orme di Cesare Prandelli, ct della Nazionale che ai primi di giugno partirà per il mondiale in Brasile. Dalla federcalcio ha ricevuto il formale via libera a rinnovare il contratto che non è stato ancora siglato però. Il ritorno in patria, a metà luglio, costringerebbe il Milan a cominciare il ritiro con uno staff tecnico d'emergenza (bisognerebbe convincere Tassotti a fermarsi ancora un anno). Senza Europa league e senza nemmeno i preliminari di coppa Italia è sicuramente possibile. Poi c'è anche una suggestione Conte, ma è appunto solo una suggestione e nessun contatto.

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 13/05/2014 - 09:14

Se il "murigno" di Arcore deve scegliere, possiamo star tranquilli che ci saranno altre risate.

pathos

Mar, 13/05/2014 - 10:08

ottimo dopo l'impossibilità di Seedorf ad esercitare repentinamente i suoi più cauti progetti e giustiziato dal geometra galliani per evidente self control mancato e autonomia ora ci sia appresta ai soliti nomi già bruciati dalle altre parti. ora che i soldini sono spariti e occorrerebbe un pò più di razionalità e coerenza sportiva ci si appiglia alle spicciole esperienze recenti quelle che poi diventano amare e improponibili per il futuro vedi i soliti nomi di allenatori da mezza classifica . invece di togliersi di mezzo una Milanello stracolma di nullità e costosissima per impegnare i fondi in reali e pratiche campagne acquisti per divenire realmente competitivi si continua nel solito spirito gallianesco del disfattismo. avanti così in attesa della vera proposta di vendita che non arriva malgrado le diverse dichiarazioni a cui ormai nessuno crede più.

Ritratto di giancarlo

giancarlo

Mar, 13/05/2014 - 10:35

si continua ad incolpare chi deve guidare la squadra senza tener conto delle enormi fesserie commesse da chi avrebbe dovuto comporre una squadra competitiva. Chi ha avallato la cessione di Pirlo e l'acquisto di Matri? penso che una certa persona dovrebbe truccarsi meno e stare più vicino al Milan, sempre che ci tenga ancora. saluti

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Mar, 13/05/2014 - 12:08

Spalletti, Montella e Prandelli AHAHAHAHAHAHAHAHAHAH gli allenatori seri, alla bolgia attuale, manco si avvicinano.....

redy_t

Mar, 13/05/2014 - 12:46

Vorrei ricordare al signor @gzorzi che il "murigno" di Arcore ci ha fatto vincere 5 coppe dei campioni, 7 scudetti e mi fermo qui per ragioni di spazio.Stai pure tranquillo e vedremo chi riderà alla fine.