Bonucci e quella lite con Allegri: insulti, poi lo sgabello

L'addio di Leonardo Bonucci alla Juventus ha di fatto dato il via ad una serie di retroscena sul suo rapporto con Max Allegri

L'addio di Leonardo Bonucci alla Juventus ha di fatto dato il via ad una serie di retroscena sul suo rapporto con Max Allegri. Dietro la partenza da Vinovo con destinazione Milanello ci sarebbe quasi certamente il rapporto ormai spezzato col tecnico bianconero. Ma come riporta la Gazzetta, le scintille tra Max e Leo hanno radici lontane. Le sfuriate nell'intervallo tra Juve e Real a Cardiff sono soltanto la goccia che ha fatto versare il vaso. Tutto comincia con un vero e proprio elogio da parte di Bonucci per il predecessore di Allegri alla Juve: Antonio Conte. In un'intervista il difensore non ha usato giri di parole e ha affermato: "Se sono diventato quello che sono lo devo al mio tecnico della Berretti della Viterbese Carlo Perrone, al motivatore Alberto Ferrarini e a lui. In panchina è il migliore di tutti". Ma è la partita col Palermo a determinare la guerra finale tra i due. Bonucci dice ad Allegri di cambiare Marchisio, affaticato. Allegri la prende male e replica: "Zitto e pensa a giocare testa di c...". Poi lo sfogo:"Se Bonucci un giorno vorrà allenare - dice Allegri in sala stampa - avrà da imparare, ma intanto ha sbagliato. E anche io con lui". La partita successiva Bonucci la vede da uno sgabello in tribuna. Poi Cardiff segna la fine. Il resto ha i colori del Milan...