Borja Valero ecco il contatto Ma l'Inter deve anche vendere

Firenze Borja verso l'Inter, ma il percorso è a ostacoli. Ieri, comunque, Ausilio e Corvino si sono incontrati a Milano: è stato il primo contatto vero per discutere almeno della cifra. La Fiorentina è partita da una quota vicina ai 10 milioni, i nerazzurri hanno replicato sulla metà. Un dato è sicuro: Fiorentina e Inter non romperanno sul prezzo. Anche perché il guadagno economico è reciproco: i viola, secondo programmi, si liberano di un ingaggio lordo da 5 milioni in essere ancora per 2 stagioni, mentre l'Inter porta a casa a un buon prezzo uno dei migliori centrocampisti del campionato. Gli ostacoli da eliminare sulla strada sono altri: intanto Borja Valero. Lo spagnolo è un raro caso di calciatore veramente affezionato alla città in cui vive. Moglie e figli non si vorrebbero muovere dalla Cupola del Brunelleschi anche se l'Inter è una grande. Quindi la fase di convincimento è ancora in atto. Un ruolo decisivo lo può recitare Luciano Spalletti, allenatore che stima da sempre Borja. E il club nerazzurro? I dirigenti devono pensare anche al fair play finanziario. Entro il 30 giugno per mettersi in regola dovrebbero cedere 3 giocatori, poi potranno anche acquistare.

Conclusioni: nelle prossime ore ci potrebbe essere una forte accelerazione sulla vicenda anche perché Borja, a Firenze soprannominato il sindaco, ha capito che se dovesse restare il clima per lui in squadra non sarebbe più come prima. Corvino, nel frattempo, è chiamato a un super lavoro: la Juve si è fatta sotto pesantemente per Bernardeschi, a 45 milioni l'affare può definirsi. Mentre l'altro partente celebre è Kalinic: ieri non c'è stato l'incontro col Milan, ma i rossoneri restano in pole.

Commenti

AndyFay

Gio, 22/06/2017 - 11:02

Andrà a lavorare dove lo pagano meglio. I soldi hanno levato l'anima al calcio.