Buffon fa un appello ai tifosi del Meazza: "Non fischiateci al primo errore"

Buffon chiede clemenza ai tifosi dell'Italia: "Al pubblico che verrà a sostenerci chiedo solo di arrivare allo stadio con la voglia di saper accettare anche qualche nostro errore"

Il capitano dell'Italia Gianluigi Buffon è carico e determinato in vista della partita di ritorno contro la Svezia. Il numero uno degli azzurri e della Juventus, in conferenza stampa ha voluto fare un appello al pubblico del Meazza: "Questo è l’ora in cui le parole non contano più, ognuno di noi sta vivendo a modo suo una vigilia che rappresenta un bivio fra i più importanti e delicati della nostra storia. Al pubblico che verrà a sostenerci chiedo solo di arrivare allo stadio con la voglia di saper accettare anche qualche nostro errore: per le critiche o i processi c’è tempo, ma dal novantesimo in poi".

L'Italia deve ribaltare l'1-0 maturato in Svezia nella sfida d'andata, il compito è difficile ma assolutamente alla portata della nostra nazionale che avrà la spinta degli oltre 73.000 tifosi di San Siro. Buffon è concentrato e sa che un po' tutti si giocano molto in questo delicato playoff per accedere in Russia: "Io mi gioco tanto, tantissimo. Ma come i miei compagni ed il ct: non c’entra nulla il mio futuro, se, questa con la Svezia, possa trasformarsi nella mia ultima partita in Nazionale o meno. Conta soltanto il risultato della squadra, la voglia di non deludere il paese".

Commenti

kinoman

Lun, 13/11/2017 - 13:09

Ma che spinta dei tifosi, ci vuole il 4-3-3, una squadra che attacca, non sempre il solito stupido schema difensivo, a che e' servito stare arroccati in difesa, forza Svezia

Helenfreespirit@

Lun, 13/11/2017 - 17:57

Scusate, ma non vi sembra che l'appello di un "poveraccio"(si fa per dire)come Buffon,abbia raggiunto i limiti dell'assurdo e del ridicolo??????