Buffon-Psg, questione di ore per il sì: ma la firma dipende dall'Uefa

L'Uefa si pronuncerà domani circa la squalifica di Buffon per il rosso rimediato contro il Real e per le sue parole nei confronti dell'arbitro Oliver. L'ex Juventus aspetto l'esito per poi legarsi al Psg dello sceicco Nasser Al-Khelaifi

Gianluigi Buffon, a stretto giro di vite, si legherà al Psg dello sceicco Nasser Al-Khelaifi che l'ha convinto con il progetto del club francese, che punta a vincere la Champions League, e anche a livello economico visto che il 40enne di Carrara guadagnerà otto milioni di euro netti per due stagioni. La firma e la tanto attesa fumata bianca però non sono ancora arrivate in quanto le parti stanno aspettando la decisione dell'Uefa circa la squalifica per l'espulsione in Real Madrid-Juventus e per le sue parole nel post partita.

Il verdetto dell'Uefa è atteso per domani con Buffon che sarà poi libero di firmare per il Psg per tentare l'assalto alla tanto agognata Champions League. Difficile che salti tutto a meno che non sarà usata la mano pesantissima nei confronti dell'ex capitano della Juventus e della nazionale. Pare improbabile che avvenga anche perché Buffon ha sempre avuto comportamenti irreprensibili nella sua lunga carriera, lunga 23 anni. Mancano dunque poche ore alla classica fumata bianca: Gigi Buffon sarà il nuovo portiere del Psg a partire da domani, o più presumibilmente dal 1 giugno, per la gioia dei tanti amanti del gioco del calcio che pensavano si fosse ritirato al termine di questa stagione.