Buffon: "Se andiamo al Mondiale per me sarà leggenda"

Buffon si augura che con la Svezia vada a finire come 20 anni fa contro la Russia: "Lo spareggio l'avrei evitato volentieri, l'importante è che il risultato finale sia lo stesso"

Il capitano dell'Italia Gianluigi Buffon è pronto per la doppia sfida contro la Svezia. Gli azzurri vogliono qualificarsi al Mondiale e per farlo saranno costretti a passare dallo spareggio contro gli Scandinavi. Buffon, però, non si fida degli avversari nonostante l'Italia sia favorita. Ecco le sue parole ai microfoni di Rai Sport:"Della Svezia fa paura la loro metodicità. Fanno sempre le stesse cose, ma le fanno bene. Con queste squadre se giochi da sei perdi, se giochi da 6,5 pareggi, da 7 in su invece vinci. Perciò occorre fare una bella partita anche individualmente. Un po' mi manca quella spensieratezza, quella spavalderia tipica di chi è giovane e deve ancora prendere bacchettate sulle dita. Più vinci, più sbagli, più impari; poi maturi e impari a contare fino a dieci. Adesso sono più riflessivo, mi auguro che sia diventato anche un portiere migliore".

L'Italia vent'anni fa, nell'ottobre del 1997 vinse lo spareggio contro la Russia per approdare ai Mondiali in Francia nel 1998. Buffon avrebbe evitato volentieri lo spareggio ma si augura che cose vadano per il meglio per gli azzurri anche perché così lui stesso entrerà nella leggenda: "ll ricorso è molto simpatico, ma ne avrei fatto volentieri a meno. Se passiamo, per me sarà leggenda. Italia sicura di andare al Mondiale? Se me lo chiedevate vent'anni fa avrei risposto: 'Siamo già al Mondiale', ora dico:'Stiamo lavorando per andarci' Se passiamo, per me sarà leggenda. Lo spareggio però l'avrei evitato volentieri perché è sempre un rischio, l'importante è che il risultato finale sia lo stesso di vent'anni fa".