Calcio spagnolo nel caos: arrestato Villar, presidente della Federazione

Villar, numero uno della Federazione spagnola, è stato tratto in arresto insieme al figlio Gorka per appropriazione indebita e falsificazione di alcuni documenti

Il calcio spagnolo sta vivendo ore di sgomento visto che il Presidente della Federazione Angel Maria Villar è stato tratto in arresto in mattinata a Madrid insieme al figlio Gorka e ad altre 10 persone nell'ambito di un'operazione anticorruzione. Al numero uno delle Federcalcio vengono contestati diversi reati come l'appropriazione indebita e la falsificazione di alcuni documenti in relazione all'organizzazione di partite internazionali.

La Guardia Civile spagnola sta perquisendo gli uffici della federazione per acquisire delle nuove prove per inchiodare Villar che è Presidente dal 1988 ed è stato rieletto a numero uno proprio lo scorso maggio. L'inchiesta era scattata l'anno scorso dopo una denuncia presentata dal Consiglio Superiore dello Sport spagnolo. Villar è anche vicepresidente dell'Uefa dal 1992 e della Fifa dal 2000. Secondo l'edizione online del Pais, tra gli arrestati ci sono anche il vicepresidente economico della Federazione Juan Padron e il presidente della federazione di Tenerife. Inoltre Villar, in maniera ingiustificata, avrebbe beneficiato di una sovvenzione pubblica di 1,2 milioni di euro destinati a progetti sportivi in paesi dell'Africa e dell'America Centrale che non sarebbero mai stati realizzati.