Candreva ora è una certezza Montolivo e Gila senza forze

7 BUFFON Cavani lo infila due volte, con una stilettata in perfido contropiede e una punizione dal limite a spiovere sotto la traversa. Questa volta Gigi deve farsi perdonare il secondo gol più che il primo ma poi si riscatta alla grande dal dischetto. Ne para addirittura 3 a Forlan, Caceres e Gargano.
6 MAGGIO Non ha la benzina per rifare l'attaccante come contro la Spagna ma almeno sorveglia la sua striscia con alterna fortuna e attenzione cedendo con gli altri nel finale.
6 CHIELLINI Rischia il rigore su una palla che gli rimbalza sul braccio dopo averla calciata ma è platealmente involontario, poi lo spinge vistosamente in area: perdonato. Nei duelli con Suarez e soci non si nasconde e non si arrende quasi mai.
6 ASTORI Finisce nel tabellino dei marcatori azzurri spingendo un pallone facile facile dell'1 a 0 sulla linea di porta ma poi commette l'errore (rinvio a Gargano) da cui nasce il primo pari uruguagio. Alla fine si arrende ai crampi. Dal 5'pts BONUCCI sv. Non deve tirare rigori, meno male.
6 DE SCIGLIO Solita prova di grande maturità e anche di sufficiente affidabilità: di duelli, nonostante i rivali di gran nome, ne perde davvero pochi. Eppure Forlan o Cavani non sono gli ultimi arrivati.
6.5 CANDREVA È il migliore della compagnia nel primo tempo, schierato sul centro-sinistra dove lavora, rifinisce e fatica come un vero opraio specializzato.
6 DE ROSSI Tiene il timone del centrocampo prima di boccheggiare: quando gioca in azzurro è un vero leader. Dal 25'st AQUILANI 6. Deve improvvisarsi sostituto di De Rossi e cerca di farlo al meglio.
5 MONTOLIVO Si arrangia col mestiere e con il palleggio perché di vitamine non ne ha proprio, si muove poco e si inserisce meno.
6.5 DIAMANTI Muslera forse non lo conosce o non se lo ricorda: e lui lo prende due volte contro tempo e sempre su punizione con un paio di traiettorie velenose. Esce con qualche rimpianto. Dal 38'st GIACCHERINI 6. Non ha più lo scatto dei primi giorni di Confederation e nemmeno la stoccata che può decidere la finalina.
5 GILARDINO Il solito palo sistemato laggiù senza la possibilità di arpionare un solo pallone utile alla patria né di ricevere qualche lancio come si deve.
5.5 EL SHAARAWY Vuoto come un sacco, secondo la definizione del ct, ma si riempie strada facendo: sbava un paio di gol, procura la punizione del 2 a 1: si rivede a tratti il piccolo faraone.
7 Ct PRANDELLI Terzo. Alla fine dei 90' non sa a che santo votarsi per tenere in piedi i suoi eroi stanchi e spolpati.