Caso Icardi, Wanda: "Mauro è pronto, dipende solo da Spalletti"

Ospite di Tiki-Taka, la moglie-procuratrice di Mauro Icardi ha risposto a Luciano Spalletti che ha definito "umiliante" la mediazione tra l'Inter e l'ex capitano nerazzurro. "Maurito è pronto a giocare, dipende solo dall'allenatore"

Spalletti, Icardi e Wanda Nara. Il triangolo più discusso degli ultimi mesi torna al centro delle polemiche per le clamorose dichiarazioni del tecnico di Certaldo dopo la sconfitta della sua Inter contro la Lazio: "Mediare con un calciatore per fargli vestire la maglia dell'Inter è una cosa umiliante". Parole durissime intese come un diretto attacco all'ex capitano nerazzurro, ma anche alla società di Corso Vittorio Emanuele e in particolare alle due figure che più hanno lavorato per risolvere una volta per tutte il caso Icardi: il dg Beppe Marotta e il patron Steven Zhang. Alla presa di posizione di Spalletti - arrivata pochi minuti dopo la sconfitta di San Siro che rischia di compromettere la (rin)corsa a un piazzamento Champions - ha fatto seguito quella di Wanda Nara, moglie-procuratrice dell'attaccante argentino che, di fatto, ha dato inizio a tutta la vicenda chiedendo un aumento di stipendio per Mauro.

Ospite di Tiki-Taka, su Canale 5, la showgirl e agente dell'ex giocatore di Barcellona e Sampdoria ha preferito abbassare i toni, tendendo la mano all'Inter, ai suoi tifosi e soprattutto al tecnico di Certaldo. Commentando le parole stizzite di quest'ultimo nella pancia del "Meazza", Wanda ha detto che "Mauro è abituato a sentire tante cose, lui vuole segnare e fare il bene dell'Inter". E sulla possibilità che il marito-assistito possa tornare a essere convocato per la prossima sfida contro il Genoa, ha commentato: "È pronto, ora dipende solo dalla scelta dell'allenatore". Per poi insistere sull'amore che Mauro ha per i colori nerazzurri: "A San Siro continuava a spingere la squadra come quando l'ha guardata in tv. Tiene molto ai compagni, non lo deve dire pubblicamente".

Eppure, nello spogliatoio dell'Inter, qualcosa non va. Da tempo è in atto una spaccatura tra chi sta dalla parte di Icardi e chi, invece, non sopporta l'atteggiamento dell'attaccante nerazzurro. Non solo per la polemica scatenata con la società per avere un aumento dell'ingaggio, ma anche per la decisione di Maurito di non chiedere scusa ai compagni dopo la sua riammissione in squadra. La goccia che ha fatto traboccare il vaso della pazienza di Luciano Spalletti che, infatti, ha preferito tenerlo fuori per la sfida con la Lazio.

Intanto, l'ex allenatore interista Alberto Zaccheroni ha commentato così la vicenda: "L'idea completa non ce l'ho perchè mi manca un tassello: non ho ben capito da dove è partita questa querelle. Per arrivare al punto di togliere la fascia a un capitano deve essere successo qualcosa di irreparabile e la gestione del caso da parte della società si è fatta difficile. Non vedo come se ne possa venire fuori accontentando tutti", ha detto ai microfoni di "Radio Anch'io Sport", su Radio 1. Per poi prendere le difese del collega Spalletti: "Credo che abbia fatto quanto avrei fatto io. Il club ha scelto di negoziare per il suo rientro però non ne ha parlato con l'allenatore, che deve gestire lo spogliatoio. Io vorrei essere stato più coinvolto nella trattativa per riportarlo nello spogliatoio".

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

Commenti

Kamen

Lun, 01/04/2019 - 10:52

A questo punto penso che uanda possa proporsi come allenatrice. Ma,cio' che appare altrettanto inspiegabile,è che vi sia un argentino nella dirigenza che non sia mai stato coinvolto nella questione.

Klotz1960

Lun, 01/04/2019 - 11:09

Piu' parla, e peggio e', ma sembra che non abbia capito. Le analogie con il caso di Totti sono evidenti. Alcuni giocatori vogliono comandare, ma con Spalletti non funziona.

COSIMODEBARI

Lun, 01/04/2019 - 11:26

Spalletti è spesso antipatico, lagnoso e rancoroso, ma ieri ha detto la verità. Non è possibile che un calciatore, in questo caso Icardi, dopo che ha fatto anche il più piccolo casino nello spogliatoio, debba rientrare nello spogliatoio dando mandato a ciò al suo legale che ha dovuto contrattare con una società, che ha pure permesso di fare ciò. Quando in uno spogliatoio combini anche il più piccolo guaio, rientri solamente con i tuoi attributi, e resti sempre come tutti a disposizione dell'allenatore. Il rispetto prima di tutto e di tutti. E se fossi io Spalletti, mai più un minuto in campo a Icardi, oltretutto sarei forte di altri due anni di contratto.

vocepopolare

Lun, 01/04/2019 - 15:34

uanda continua a non capire che sta danneggiando gravemente icardi; il giocatore deve tornare in campo per dimostrare di essere sempre un campione da poter giocare in un grande club, ma con una moglie procuratrice troppo ciarliera ed impicciona, chi avrà l'animo di comprarlo?