Cassano e Kakà vanno all'Inter Anzi no, il Milan lascia vuoto il 22

In Spagna dicono che Josè Mourinho ha chiamato Massimo Moratti e gli ha offerto Kakà in cambio di Douglas Maicon proprio mentre Galliani alzava l'offerta a 13 milioni e ne prometteva cinque, spalmati in più stagioni, al giocatore. Moratti avrebbe declinato e subito dopo gli sarebbe arrivata una seconda telefonata dall'entourage di Antonio Cassano tentato dall'idea Inter. Nel frattempo Milan e Juventus avrebbero ripreso i contatti con Ranocchia per convincerlo a cambiare squadra. Con Pazzini ora è più vicino al Milan rispetto alla Juventus. Tutto questo mentre la moglie di Edinson Cavani, a Londra dopo lo scippo di Fuorigrotta, trattava direttamente con Roberto Mancini il trasferimento al Chelsea del marito.
Fantamercato, ma qualcosa di vero c'è e il Milan, per non dover poi rettificare la numerazione, ha distribuito le maglie ma ha lasciato libera la numero 22, quella di Kakà. Il vertice ci sarà probabilmente a New York in occasione dell'amichevole fra Milan e Real Madrid.
Il deferimento di Leonardo Bonucci preoccupa la Juve. Ora la priorità è trovare un centrale e i nomi sono quelli di Salvatore Bocchetti in Russia al Rubin Kazan come Bruno Alves. Jovetic nell'incontro con Della Valle ha detto di volere solo la Juventus. Della Valle gli ha risposto che lo ritiene incedibile. La Juve resta vigile su Van Persie e Dzeko. Altre cose quasi vere: Arsene Wenger ha chiesto notizie su Julio Cesar, Marco Branca sembra addirittura disposto a pagare. Douglas Maicon invece ha fatto sapere con largo anticipo che non scenderà in campo nel preliminare di Europa League il 2 agosto contro l'Hajduk Spalato (sconfitto ieri a Riga ma comunque qualificato al turno successivo). Da Madrid dicono che il brasiliano se venisse messo in lista Uefa sarebbe pronto a un vero braccio di ferro. Vuole solo Mourinho, ma se il portoghese offre lo scambio con un giocatore che guadagna il doppio, allora si fa notte.
Viviano comunque adesso è tutto del Palermo che ha pagato a Moratti 3,5 milioni per la metà del cartellino girato poi alla Fiorentina. Il ds del San Paolo, la squadra di Lucas, ha detto che sta facendo tutto il procuratore senza autorizzazione, il ragazzo non si muove.