C'era una volta la F1. Ecco come ritrovarla

Ma lo show c'è già. La Ferrari vuole più test. Speriamo non insista sul rumore

C'era una volta la F1 di papà che prendeva per mano il proprio figlio, si caricava sulle spalle uno zainetto ed era agosto e faceva caldo e però una giornata al parco di Monza a vedere i test e «guarda piccolo mio come stacca all'ultimo quel brasiliano di nome Ayrton sulla Toleman...». C'era una volta la F1 che portava famiglie e amici e fidanzati in giro per il parco e dentro il paddock e faceva poco rumore perché era già formula turbo ma in giro non si sentivano sciocchezze sul rumore che manca. Era una F1 che con le prove delle squadre s'imprimeva nel cuore dei ragazzini, facendosi guardare e partecipare.

C'era una volta, non c'è più. Oggi autodromo vuoti e audience a picco. Perché i ragazzini di allora hanno più o meno 40 anni e rappresentano la fetta più giovane di un pubblico di vecchi appassionati. Colpa della F1 che si è arroccata ricca nella propria cittadella mega milionaria a spartirsi gli introiti tv e a partorire regole assurde per risparmiare, senza capire che il mondo cambiava. Per cui via i test e piloti chiusi dentro simulatori milionari a provare assetti come in mega videogiochi. Ovvio che poi i bambini abbiano detto a papà «piuttosto che portarmi al Gp, comprami la playstation, tanto è uguale alla F1».

E ora eccoli, i tardivamente illuminati o i finalmente rinsaviti, ecco gli Ecclestone, i Montezemolo, i boss dei team correre ai ripari. A Budapest, sabato, si sono riuniti i rappresentanti delle squadre. Speriamo fossero consci che si trattava della loro ultima occasione per invertire la tendenza. Perché va sfruttato il momento, perché i Gp adesso sono uno spettacolo di sorpassi e rimonte e bravi piloti che gestiscono macchine complicate. Domenica la riprova. Sono tre Gp di fila che va così. Ma il pubblico, quello più importante, dei giovani, quel pubblico non lo sa e si è disperso e va rintracciato per raccontargli quanto sia tornata bella la F1. Da qui l'idea del working group per aumentarne la popolarità. Domani a Londra un altro incontro fra Ecclestone e i team principal dei top team, per cui Wolff (Mercedes), Horner (Red Bull) e Mattiacci (Ferrari). Presente il delegato Fia Whiting. Invitato Briatore, ma non ancora certo visto che il fronte inglese dei team non gradisce. Venti giorni fa il manager italiano, che nel working group dovrebbe anche occuparsi della parte commerciale e new media, proprio al Giornale aveva illustrato diverse idee: «Gp più corti, due manche di 50 minuti, la seconda con i primi 6 a griglia invertita. E pista bagnata artificialmente per esaltare le doti dei piloti». Francamente troppo. Basterebbe concentrarsi sui punti illustrati sabato: la reintroduzione dei test; più libertà di sviluppo, riduzione del prezzo dei biglietti. Il tutto convincendo Ecclestone ha investire più risorse nella promozione.

Sui primi due punti la Ferrari insisterà parecchio. Per tornare a provare sui propri circuiti e per mettere mano alle power unit. Vincendo questo battaglia, farebbe il bene suo e quello dei tifosi che potrebbero tornare negli autodromi a vedere F1 sfrecciare. Basta che da Maranello la piantino con la storia dei rumore che manca; o della formula per tassisti con i piloti costretti a risparmiare benzina. Ma avete visto che razza di gare stanno invece scodellando i tassisti?

Perché forse era voluto, forse è solo un gran colpo di…, ma la formula turbo ibrida fortissimamente voluta da Jean Todt, il capo della Fia, è uno spettacolo quasi perfetto. Fatto di strategie, di coraggio dei piloti e, al momento, di ottime gomme di una rinsavita Pirelli. Pensateci: non servirebbero neppure più le ali mobili. Senza, Alonso, negli ultimi giri dell'Hungaroring, avrebbe venduto cara la pelle a Ricciardo. E poi, ora che la Mercedes ha annunciato che non darà più ordini ad Hamilton e Rosberg, avete idea di che razza di super show ci attende?

Commenti
Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mer, 30/07/2014 - 15:01

GP aggratis in TV no?

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Mer, 30/07/2014 - 15:10

Benny Casadei Lucchi, ma cosa sta dicendo. La Formula uno sta scomparendo per tutte le scemenze introdotte per fare spettacolo. Che ovviamente spettacolo non fanno ma tanta confusione si. Come si fa a seguire una corsa dove partono tutti insieme e dopo 10/12 giri uno si ferma, un altro no, e non si capisce più nulla fino alla fine. Ma chi volete che segue un guazzabuglio simile partorito da una mente malata. Guardate lo spettacolo di una corsa in moto: partono, gareggiano e arrivano sempre in modo chiaro per chi vede lo spettacolo. Ed anche le differenti risposte del pubblico sono chiare.

qwertyuiopè

Mer, 30/07/2014 - 15:17

Basterebbe semplificare i regolamenti: Scelte tecniche libere, tipi di pneumatici liberi, tipo di motore libero, aerodinamica libera, unico limite litri di carburante consumabili durante la gara e i parametri di sicurezza da rispettare. Tutto il resto ognuno lo faccia come vuole. Così avremmo vero sviluppo tecnologico e spettacolo.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Mer, 30/07/2014 - 15:48

Concordo con qwertyuiopè. Ma sarebbe troppo semplice per i capoccia pensanti del baraccone///

BlackMen

Mer, 30/07/2014 - 15:55

qwertyuiopè: la sua soluzione, apparentemente virtuosa, in realtà sarebbe un disastro e le spiego perchè. Intanto non farebbe che aumentare la distanza tra le squadre più piccole ed i grandi costruttori, i soli in grado di affrontare gli investimenti milionari che una F1 "libera" come lei suggerisce imporrebbe per essere competitivi. Inoltre, sul fronte tecnologico è auspicabile che le squadre facciano fronte comune al fine di concentrare gli sforzi e le ricerche in poche ma utili direzioni da applicare poi a livello industriale. Se ognuno fa come vuole si rischiano soluzioni estreme e troppo specifiche per essere riportate su grande scala. A mio avviso sarebbe sufficiente eliminare i cambi gomme :-)