Champions, dal 2018 si cambia: 4 posti per le italiane e ranking

La Champions League si appresta a vivere uno dei cambiamenti più importanti della sua storia: tutte le novità dal 2018

La Champions League si appresta a vivere uno dei cambiamenti più importanti della sua storia. Di fatto forse il più impegnativo da quando è scomparsa la Coppa dei Campioni per lasciare il posto al troeno così come lo conosciamo oggi. A quanto pare, nei piani della Uefa dalla stagione 2018 verranno inseriti sostanziali modifiche nei criteri per la qualificazioni. Verranno assicurati quattro posti alle squadre dei campionati di prima fascia come Inghilterra, Spagna, Germania e Italia. I posti dovrebbero venire assegnati senza ricorrere ai play-off, ma con una qualificazione diretta subito dopo la chiusura del campionato. Le ipotesi però sul campo sono tante e una di questa potrebbe prevedere un accesso diretto delle prime tre, mentre al quarta squadra verebbe ripescata grazie ad una sorta di punteggio "storico" per la tradizione in Champions con la creazione a livello europeo di una sorta di fascia con i top club che storicamente hanno sempre fatto parte della Champions League. Il tutto seguendo il ranking Uefa. Alle federazioni medie (Francia, Portogallo e Russia) andranno 2 posti sicuri, mentre altri 4/5 saranno per i campioni delle nazioni che seguono nel ranking (oggi sarebbero Ucraina, Belgio, Olanda, Turchia e Svizzera) e altri 5-6 sarebbero assegnati attraverso i playoff (ai quali parteciperebbero una cinquantina di club). Infine ci saranno modifiche anche sul fronte dei sorteggi con accoppiamenti in base al ranking agli ottavi evitando così super match già al primo turno eleiminatorio.