Ciclismo: Pozzato riporta in Italia una classica e si candida capitano azzurro

Dopo la Agostoni, nuovo trionfo nel Gran Premio di Plouay, in Francia. Sempre più preziosa la sua presenza al Mondiale di Firenze, il 29 settembre

Le grandi notizie sono due: l'Italia torna a vincere una classica internazionale, benchè non una delle cinque "monumento", e Filippo Pozzato finalmente dimostra di essere campione, dopo tante prove finite in delusione.
Le due buone notizie arrivano da Plouay, nord-ovest della Francia, dove si è corso il Gran Premio valido per l'Uci World Tour. Pozzato si è rivelato finisseur irresistibile rimontando nel finale il gruppo dei migliori, battendo con l'ultimo colpo di reni l'altro italiano Nizzolo (e le buone notizie diventano dunque tre), nonchè il francese Dumoulin.
"Volata dura - commenta il Pippo nazionale - ma ho azzeccato la ruota giusta, che mi ha permesso la grande rimonta. E' un ottimo periodo, finalmente mi viene tutto facile".
Indubbiamente non gli si può dare torto: nell'ultimo periodo, Pozzato ha già vinto anche la Coppa Agostoni. A meno di un mese dal Mondiale di Firenze, questo significa una cosa elementare: il cittì Bettini, in crisi di convocazioni, si ritrova improvvisamente tra le mani un jolly sul quale non puntava più. Quando Pozzato è questo Pozzato, diventa quasi doveroso assegnargli una maglia azzurra e qualche grado da capitano. Considerando la pesante crisi di alternative, si può parlare di un mezzo miracolo. Bettini può dormire più tranquillo con il suo amico ritrovato.