Ciclismo, il Tour de France entra nel club dei centenari

Il via sabato 29 giugno dalla Corsica la gara a tappe che celebra il secolo della Grande Boucle. Sfida per la vittoria tra il keniano naturalizzato inglese Chris Froome e lo spagnolo Alberto Contador

Scatterà sabato 29 giugno la 100ª edizione del Tour de France, che quest'anno propone l'interessante duello fra il keniano naturalizzato inglese, Chris Froome, e lo spagnolo Alberto Contador, che punta a riprendersi la vittoria che gli è stata sottratta nel 2010, a causa della sua positività al Clenbuterolo.
La Grande Boucle, considerata un vero e proprio Mondiale a tappe, partirà da Porto Vecchio, in Corsica (tre le tappe programmate nell'isola), e si concluderà domenica 21 luglio, con la consueta passerella sui Campi Elisi, a Parigi. Due i giorni di riposo: lunedì 8 e lunedì 15 luglio. Tre le prove a cronometro inserite nel programma, e che potrebbero far pendere l'ago della bilancia a favore di uno dei due favoriti, Contador: la prima, a squadre (25 km), si disputerà a Nizza, il 2 luglio; la seconda e la terza individuali sono in programma rispettivamente il 10 e il 17 luglio, da Avranches a Mont Saint-Michel (33 km), e da Embrun a Chorges (32 km).
Quattro, invece, gli arrivi in salita: il primo ad Ax 3 Domaines, il 6 luglio; il secondo sul leggendario Mont Ventoux (la montagna calva spazzata dal Mistral), dove Marco Pantani trionfò su Lance Armstrong, il 14 luglio; quindi, il 18 luglio, su un altro mitico traguardo, l'Alpe d'Huez; infine, il 20 luglio, nella penultima tappa, ad Annecy Le Semnoz, in Alta Savoia, dove il Tour approderà per la prima volta nella propria storia.
Al via, fra le squadre, la kazaka Astana orfana del messinese Vincenzo Nibali; l'italiana Cannondale, che spera nella ripetizione del tris firmato l'anno scorso dallo slovacco Peter Sagan - sempre forte e imprevedibile - ma anche in qualche impresa di un altro giovane con un nome importannte, Moreno Moser, al debutto in una grande corsa a tappe; la Bmc punterà sull'australiano Cadel Evans, in cerca del bis nella corsa francese; la Katusha si affiderà a Joaquin Rodriguez, che ha rinunciato alla rivincita nel Giro d'Italia, per puntare al Tour; da seguire Alejandro Valverde, nelle file della Movistar, dunque Froome e Contador, veri e propri favoriti, che avranno il rispettivo supporto del Team Sky (ma senza Bradley Wiggins, campione uscente) e del Team Saxo. Al via anche la Lampre di Cunego, quindi il canadese Ryder Hesjedal, vincitore del Giro 2012, e il «missile» Mark Cavendish, che vuole confermarsi re delle volate.