Clarence: «A fine partita tutti abbracciati in cerchio»

Clarence Seedorf è soddisfatto e rivela il nuovo rito della squadra: «Quando siamo rientrati alla fine, nello spogliatoio ci siamo chiusi in cerchio e ci siamo tutti abbracciati», spiega l'olandese, «e faremo sempre così sia che si vinca, si perda o si pareggi. Ci guardiamo in faccia e due parole tra noi fanno sempre bene. Questo è un bel gruppo che merita di più di quanto dica la classifica». Sulla partita il tecnico ha le idee chiare: «La vittoria è dedicata a tutti i milanisti, anche perchè con un successo tutto diventa più facile. Siamo stati molto bravi nel primo tempo, bravi a pressare subito quando perdevamo la palla, i difensori alti e quattro giocatori davanti coi piedi buoni che sanno giocare bene la palla. E chiudere il Verona nella sua metà campo non è stato facile ma ce l'abbiamo fatta e non li abbiamo fatti giocare come sono abituati». E su Balotelli: «Tra noi c'è un bel feeling e la cosa non mi ha sorpreso. È un ragazzo dolce, un grandissimo talento e sono sicuro che farà bene nel Milan e nell'Italia di Prandelli. Spero di aiutarlo a crescere, lui ha dimostrato impegno e volontà».
Gli risponde SuperMario: «La vittoria è dedicata a Seedorf, da tutti noi, perchè la prima partita è sempre la più difficile e lui si è trovato in una situazione non facile nella quale ci siamo messi noi. Ci siamo scambiati un segno di assenso dopo il gol, c'è intesa tra noi. Ha organizzato bene la partita, con quattro attaccanti, chiedendoci di fare subito pressione. Abbiamo fatto una bella partita e chi ben comincia è a metà dell'opera».