il commento 2 Il tormentone: ma se con Cavani Hamsik e Lavezzi...

di Riccardo Signori
L'Inter che si prepara a versare lacrime e sangue è forse una delle più enigmatiche dell'ultimo decennio. Dire Inter enigmatica può sembrare una banalità. Quando mai non lo è stata? Forse da sempre: essere enigmatica è un certificato di garanzia, non sempre di qualità, per la gente nerazzurra. Ma stavolta... Cominciamo: Moratti sì o no? Thohir sì o no? Mazzarri cosa? Mazzarri perché? Eppoi Belfodil e Icardi sono da Inter? Sì, almeno l'Inter che intende il blasone, non quella di Stramax e tanti altri. Ma vi pare che bastino Andreolli e Campagnaro? Non direte che Nainggolan è il giocatore che ti rimette in sesto un centrocampo... Moratti e compagnia inseguono i giovani, qualcuno sarà anche bravo, almeno dignitoso, ma lo spirito Arsenal non ha portato lontano Arsene Wenger. Meglio stopparsi. A buona memoria.
In tutto questo, però, immaginate la montagna che pesa sul povero Mazzarri. Non può fallire fin dal primo colpo, deve arrivare in Champions a tutti i costi e deve (dovrebbe) vincere lo scudetto, visto che l'Inter non ha altri impegni. Eppoi la valanga di domande. La prima, più onesta o realista, è questa: come farà a conquistare lo scudetto con Icardi, Belfodil e Palacio, non sapendo quanto e come recupererà Milito? Qualunque risposta potrebbe valere se non fosse che con Cavani, Hamsik e Lavezzi, tre che tutto il mondo gli avrebbe invidiato, Mazzarri non è riuscito nemmeno a lottare per il titolo. E stiamo parlando di due stagioni consecutive, anche se poi al posto di Lavezzi ci sono stati Insigne e Pandev. Ecco, questo sarà il tormentone di una stagione, se l'Inter non mostrerà insospettate qualità e l'allenatore anche. Mazzarri ha avuto per le mani tre grossi calibri ed ha ricavato il minimo (alla faccia dei soliti sviolinatori), qui punta su due ragazzi e un buon giocatore. Come potrà farcela? Poi c'è il resto, difesa e centrocampo, ma il passato dovrebbe ricordare o insegnare qualcosa. Mazzarri ha coraggio e capacità, ma forse nemmeno lui immagina cosa l'attende. Non basta un Thohir per cambiare l'Inter.

Commenti
Ritratto di depil

depil

Mar, 09/07/2013 - 10:20

Caro Signori, Mazzarri sa bene cosa lo attende: una barca di soldi comunque vada.