Cristiano Ronaldo in Serie A: si può grazie al fisco italiano

Cristiano Ronaldo è indignato con il fisco spagnolo per l'accusa di aver evaso la cifra record di 14,7 milioni di euro. Il futuro del 32enne potrebbe essere lontano da Madrid

Cristiano Ronaldo si sta confermando uno degli attaccanti più forti della storia del calcio. Il fuoriclasse di Funchal sta trascinando il suo Portogallo in Confederations Cup e la prossima partita sarà decisiva per la qualificazione alla semifinale della competizione. Il classe '85 ha vinto la Champions League con il Real Madrid e a fine anno si appresterà a vincere il suo quinto Pallone d'Oro eguagliando Lionel Messi. I media portoghesi e spagnoli lo vogliono lontano dal Real Madrid per via de suoi guai con il fisco spagnolo.

Florentino Perez ha smentito categoricamente che Cristiano Ronaldo possa lasciare il Real Madrid, mentre l'ex attaccante del Manchester United, per ora, ha preferito non proferire parola sull'argomento. Alla fine della Confederations Cup si saprà qualcosa in più sul suo futuro e si capirà se resterà a Madrid o se cambierà aria. Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, però, Cristiano Ronaldo potrebbe anche finire in Serie A visto che il Governo italiano ha introdotto una norma (nella Legge di Stabilità) che attira i cittadini stranieri più abbienti ed in particolare le stelle dello sport. Il Fisco italiano, dunque, potrebbe servire un grosso assist ai club italiani con Juventus, Inter e Milan che sognano già il colpo ad effetto. Per ora, però, tutto ciò sembra un sogno anche perché il costo del cartellino del portoghese è proibitivo così come il suo ingaggio. Una cosa è certa: le prossime settimane saranno decisive per conoscere il futuro di Cristiano Ronaldo che ad oggi è ancora tutto da decifrare.

Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 22/06/2017 - 15:33

basta un colpo di kulo e fai goal e prendi milioni di euro. Che andassero a prenderselo proprio lì. Poi vedi degli operai che lavorano sotto il sole per quattro soldi. Potremmo dire che la colpa è di chi va a vedere le partite che non hanno un minimo di orgoglio, ma poi sai che ci sono gli sponsor di aziende che si lamentano delle tasse, ma di pagare profumatamente la pubblicità, per loro va bene, fessi noi che compriamo.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 22/06/2017 - 16:25

si ! ho saputo che va con il crotone , con il milan o con l'inter , alla juve no perche gia ci sono troppi "vecchi"

Trinky

Gio, 22/06/2017 - 17:23

Vieno, vieni in itaglia e conoscerai equitalia e le tasse messe dai kompagnuzzi vari......