Maldini critica la gestione Milan: "Hanno distrutto la 'mia' squadra"

L'ex giocatore rivolge pesanti accuse al team: "Stanno buttando via quanto costruito con fatica in dieci anni"

"Non esiste un progetto e la società non ha una struttura all'altezza". Sono critiche pesanti quello che Paolo Maldini, il giocatore che più a lungo ha militato con la maglia rossonera, rivolge alla società.

"Provo rabbia e delusione, perché hanno distrutto il 'mio' Milan", ha ammesso l'ex calciatore in un'intervista concessa alla Gazzetta dello Sport, commentando con parole dure la situazione del suo team storico, che al momento è di 23 punti sotto la zona Champions e a 40 dalla Juventus, capolista di serie A.

Alcuni mesi fa si era prospettato un ritorno di Maldini alla società. "Ho avuto due colloqui con Barbara Berlusconi", spiega l'ex calciatore, spiegando di essere stato "indicato come il successore di Galliani per l'area tecnica" e che la figlia del Cavaliere lo voleva "per trasmettere la mia esperienza", ma che da allora non ha più sentito nessuno.

Commenti

francesco de gaetano

Mar, 18/03/2014 - 13:06

Per rifondare il Milan ci vogliono anni di lavoro con all'interno persone competenti.Mi auguro che il glorioso Milan ritorni a vincere in Italia ed in Europa.

Ritratto di Coralie

Coralie

Mar, 18/03/2014 - 14:25

Galliani fatti da parte! In 10 anni hai collezionato solo successi finanziari ma non sportivi: con i buoni affari ed il risparmio non si costruiscono squadre competitive. Inoltre. e' ora di smetterla che un AD s'interessi anche del settore tecnico sportivo. Le squadre minori insegnano.

battintesta

Mar, 18/03/2014 - 15:30

Galliani tanti successi ma...tanti errori a cominciare dall'aver messo scientemente alla porta Capello dopo 3 campionati vinti su 4, per paura che gli rubasse il posto! Proseguendo con la protesta dei riflettori spenti, con l'acquisto di brontosauri a parametro zero e la cessione di campioni indiscussi, nonché lo smantellamento della squadra in un sol colpo e con la vendita di Pirlo per di più a chi? Alla Juventus! Che genio! Mai capito nulla di programmazione e di progetti strategici con conseguenti campagne acquisti...Ora la squadra secondo me può ripartire da El Sharawi, Kakà, Pazzini, Montolivo, De Sciglio e Taarabt...vendendo Balotelli (negato al gioco di squadra e immaturo come uomo) e liberandosi appena possibile e gradualmente del resto della zavorra, affidandosi intanto all'ottimo Inzaghi (professionista esemplare)ed alla Primavera. Ricordiamoci che le campagne acquisti vanno attuate di concerto con l'allenatore in forza di un progetto di gioco! E che lo staff tecnico deve visionare per davvero giocatori di 16/18 anni da prendere in serie minori!!!

Ritratto di mark911

mark911

Mar, 18/03/2014 - 16:09

Galliani prima di arrivare al Milan era un tifoso juventino ora, non per pensare male, ma qualche "aiutino " (involontario ?) lo abbiamo dato alla Juve per arrivare dov'è ora mentre, nello stesso tempo, il Milan è crollato! E poi la storia di Tevez e Galliani con la famosa foto poi ...gaurda caso è finito alla Juve ...sarà ma !!!

BlackMen

Mar, 18/03/2014 - 17:00

mark911: gentile lettore, è noto ai più che l'affare Tevez-Milan saltò non tanto per il malcelato tifo di Galliani per la Juve. Piuttosto fu colpa dell'intervento di Barbara Berlusconi che, essendone la fidanzata, si oppose fortemente alla cessione di Pato, condizione necessaria per l'acquisto di Tevez.

Ritratto di pipporm

pipporm

Mar, 18/03/2014 - 19:00

Ah Maldì mi preoccuperei di più per aver rovinato l'Italia

Ritratto di pipporm

pipporm

Mar, 18/03/2014 - 19:00

Ah Maldì mi preoccuperei di più per aver rovinato l'Italia

Ritratto di pipporm

pipporm

Mar, 18/03/2014 - 19:01

Ah Maldì mi preoccuperei di più per aver rovinato l'Italia

michaelsanthers

Mer, 19/03/2014 - 01:08

vado un pò fuori tema ma quel cassano è la classica serpe che tirata da sotto la pietra morde chi l'ha salvata

Premio Pilutzer

Mer, 19/03/2014 - 02:14

Per salvare il Milan basterebbe lanciare la Barbie in politica. Ora che il papy e' stato sbattuto fuori a calci dalla politica dalla magistratura rossa, c'e' spazio per un nuovo Berlusconi per continuare l'opera di distruzione del Paese. Mica vorremo lasciare il compito al piddi' o agli squintenati pentasiderei!