Cutrone strappa il Milan dal Fiume

Il baby decide al 93' dopo la rimonta choc in 5'. Mirabelli: "Ancelotti? Tengo Montella..."

Sei minuti di follia, un altro passo falso solo sfiorato e, sullo sfondo, la gara di domenica contro la Roma che a questo punto diventa fondamentale. Perché nessuno si sarebbe aspettato di vedere il Rijeka uscire da San Siro con una vittoria, ma anche la vittoria per 3-2 del Milan nella gara di Europa League ha comunque del clamoroso. Per come è arrivata, con due reti subite negli ultimi dieci minuti; ma soprattutto per la prova messa in campo dai rossoneri. L'antidoto migliore, la vittoria, per provare a ritrovare la tranquillità perduta. Montella si aggrappa al predestinato Cutrone, per riprendere un po' di colorito e tornare a respirare. Un successo che consente ai rossoneri di rimanere in vetta al girone con 6 punti e poter ora preparare il match di domenica contro la Roma con relativa calma. Sfida aperta ancora una volta da André Silva, al sesto gol in Europa League dopo la doppietta allo Shkendija e le tre reti all'Austria Vienna. E chiusa da Cutrone nella ripresa, con gli scivoloni di Bonucci e Romagnoli nel finale che hanno riaperto clamorosamente la gara.

Quanto successo in campo non fa passare in secondo piano la settimana di passione di Montella, con l'allontanamento del preparatore atletico Marra e la candidatura, indiretta, di quell'Ancelotti fresco di esonero dal Bayern Monaco: «Ci dispiace per lui, ma noi ci teniamo stretto Vincenzo». Le parole del ds Mirabelli, scontate e prevedibili, non servono a nascondere la rabbia della società, che ha messo nel mirino la prova di domenica: servirà una reazione d'orgoglio contro i giallorossi, match che potrebbe decidere il futuro del tecnico.

E pensare che i modesti croati del Rijeka avrebbero anche potuto essere un avversario ancora più ostico: pressing alto, Milan lento e prevedibile e quell'occasione clamorosa non sfruttata in avvio (3') da Heber che ha fatto tremare San Siro. Il Milan del primo tempo, fatto salvo per il bellissimo gol dell'onnipresente Silva, è ben poca cosa: qualche combinazione Calhanoglu-Borini e poco altro. Con una prestazione, la prima del dopo Emanuele Marra («Ognuno è responsabile di ciò che gli accade», le parole dell'ex preparatore atletico del Milan), dal punto di vista atletico poco eccelsa. Nella ripresa Rijeka subito avanti con Misic (tiro bloccato da Donnarumma) e Milan che segna con Musacchio su calcio d'angolo: 2-0 e gara sulla carta chiusa. Perché nel finale Bonucci e Romagnoli si dimenticano di essere due atleti di livello e regalano prima il gol ad Acosty e poi il rigore del 2-2 a Elez. Nel finale, poi, in pieno recupero il 3-2 di Cutrone che salva capra e cavoli. Per ora.

Tra i saluti a Totti, presente in tribuna, gli auguri all'ex presidente Berlusconi per il compleanno di oggi (Auguri Silvio lo striscione della Curva Sud e dell'AIMC), e i vigili chiamati ad eliminare i fumogeni lanciati in campo dai tifosi croati, il Milan archivia la pratica Rijeka e si lancia ora verso la Roma. Un successo darebbe nuovamente smalto a squadra e tecnico, una sconfitta aprirebbe ufficialmente la crisi. Con Montella costretto a convivere con l'ombra di Ancelotti: proprio come fu per Terim nel 2001.

Commenti
Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Ven, 29/09/2017 - 08:39

Hanno speso 250 mln per comprare 10 giocatori. Bravi? Non direi, facciamo due conti. Al mercato oggi un top vale più di cento mln, uno ottimo vale più di sessanta mln, uno buono più di quaranta mln, uno discreto intorno ai dieci/venti mln. Conti alla mano il Milan ha fatto una squadra di giocatori discreti, prossimi alla broccaggine.

Ritratto di Farusman

Farusman

Ven, 29/09/2017 - 11:14

Chiunque si intendesse un pochino di calcio enon avesse avuto gli occhi foderati dalla pelle di salame del tifo, dopo aver applaudito la campagna acquisti del Milan, avrebbe capito che per avere un minimo di amalgama ci sarebbero voluti almeno tre mesi. Bisognerà vedere se i punti persi in questo periodo potranno essere recuperati da gennaio in poi. La scommessa di Fassone è questa: e capisco come sia tanto agitato perchè è una partita a poker nella quale s'è giocato il piatto.

handy13

Ven, 29/09/2017 - 12:12

..il gioco del Milan fa pena,.....Montella NON ha saputo dare una organizzazione, (vedere come gioca l'Atalanta.!!)...

bobots1

Ven, 29/09/2017 - 13:43

Ho visto solo io il fuorigioco del Milan sul terzo gol? Non che cambi nulla ma a titolo di cronaca...

Ritratto di Farusman

Farusman

Ven, 29/09/2017 - 17:22

Premesso che non sono milanista, non si può pretendere che Montella faccia miracoli. Ricordo che Gasperini, alla quinta dello scorso campionato perse in casa con il Palermo e aveva zero punti in classifica.. Tempo al tempo.

balsamoditigre

Sab, 30/09/2017 - 18:14

condivido....farusman