Davide mi ha divertito e fatto sperare fino all'ultimo

Mi sono divertito da matti a seguire una tappa che sulla carta sembrava poter dire poco. Ho sperato fino all'ultimo in Davide Formolo, che nel finale si è trovato in compagnia di Mattia Cattaneo e altri quattro compagni di fuga e pensavo potesse farcela. È chiaro che il veronese della Valpolicella è arrivato alla resa dei conti in riserva d'ossigeno e lo spagnolo Pello Bilbao è stato davvero bravo a cogliere il momento giusto per lasciare tutti lì sul posto.

Sono contento che alla fine sia riuscito a mantenere la maglia rosa Valerio Conti, ma non è stata quel che si dice una passeggiata. La corsa è stata velocissima e combattuta, dall'inizio alla fine. È stato uno spettacolo assistere ad una tappa corsa con così tanto vigore agonistico.

Per questa ragione mi aspetto molto dalla tappa di oggi: da Tortoreto Lido a Pesaro. È la tappa più lunga del Giro e nel finale ci sono tanti muri da superare. Insomma, se ne avranno voglia, c'è terreno per darsi battaglia: anche oggi.

Commenti

Holmert

Sab, 18/05/2019 - 12:44

Ma perché il sig.Doris, padrone e sotto di una grande banca, Mediolanum, non forma una squadra di ciclisti, soprattutto di giovani promesse italiane? Sentivo a "processo alla tappa" che, se si continua di questo passo, il ciclismo italiano vada alla deriva. Pare che le formazioni sponsorizzate da italiani, siano al lumicino. L'impegno economico è serio e nessuno se la sente.Pare che ci vogliano almeno 20milioni di euro per mantenere una squadra ciclistica. Lui che è anche un bravo intenditore ed appassionato ce la potrebbe fare. Si faccia avanti.

abacon

Dom, 19/05/2019 - 08:41

Il commento del Doris non dice niente di nuovo, inutile che mi racconti la stessa cosa che ho visto in TV, in questo articolo manca sale e pepe, cosa che mettono i grandi giornalisti. Così sono capace anch'io. Mi ricorda Saviano che scriveva facendo raccolte dai giornali. Proverò a fare il giornalista...

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 19/05/2019 - 23:13

Quello che stanno facendo milioni di italioti in lotta per arrivare a fine mese con qualche spicciolo di risparmio in tasca, una autentica corsa contro il tempo ... per non morire prima del tempo.