De Boer, stoccata all'Inter: "Non c'è nessuno che comanda"

Frank de Boer si toglie qualche sassolino dalla scarpa parlando della sua esperienza non positiva all'Inter e attaccando la società nerazzurra

Frank de Boer è durato solo 84 giorni all'Inter, meno di Gian Piero Gasperini nella stagione 2011-2012. Il tecnico olandese è stato esonerato il giorno ddopo la sconfitta di Genova contro la Sampdoria, era il 31 ottobre. L'ex tecnico dell'Ajax se n'era andato da signore e aveva ringraziato tutti ma a distanza di un mese ha rotto il silenzio parlando della sua breve e fallimentare esperienza i nerazzurro. Ecco le sue parole al giornale olandese Ziggo Sport: "I cinesi sono i proprietari, ma hanno però un supervisore che è italiano. Hanno tutto il potere, ma nessuno ha veramente il potere. Nessuno comanda. Penso che questo sia il problema principale. La nuova proprietà pretende molto, ma si dovrebbe prima guardare e valutare a ciò che c’è dentro la società e come è organizzata".

Da quando è andato via de Boer, l'Inter ha ottenuto 2 vittorie, un pareggio e 3 sconfitte: Stefano Vecchi, tecnico ad interim per due partite ha vinto contro il Crotone e perso in Europa League contro il Southampton, mentre il neo allenatore Stefano Pioli ha battuto 4-2 la Fiorentina, ha pareggiato il derby contro il Milan ed ha perso malamente contro l'Hapoel Beer Sheva e soprattutto contro il Napoli in campionato. de Boer ha poi parlato dei problemi incontrati nel campionato italiano: "Giocavo con il 4-3-3: pressione alta e anticipo, se possibile. A volte è andata bene come nella gara contro la Juve. Ma è vero, abbiamo avuto troppi alti e bassi. Guardate a Napoli dove ci sono voluti otto anni perché rendesse il progetto... All’Inter invece si aspettavano di vedere qualcosa di buono dopo due settimane. Una cosa impossibile".

Commenti
Ritratto di italiota

italiota

Dom, 04/12/2016 - 16:48

...non è mica vero, chi comanda sono i tifosi