De Laurentiis inarrestabile: vuole anche Verratti

Napoli, striscione in Comune: De Laurentiis, paga i debiti. È apparso in via Verdi, sulla facciata del palazzo, mittente un consigliere che si riferisce alla transazione tra club e Comune per la concessione del San Paolo mai onorata. Tutti quei milioni, 124,5, sono un magnete. I 63 milioni della cessione Cavani però sono già finiti nelle tasche di Florentino Perez (Callejon, Albiol e Higuain), adesso sotto con gli altri 45. Aurelio De Laurentiis è inarrestabile, sta trattando con il Porto per l'attaccante colombiano Jackson Martinez, ammalia Marco Verratti e tiene sotto radar la vicenda Sanchez. Poi ci sono le controindicazioni, Bigon ha trovato l'accordo con Jackson Martinez con un quadriennale a 2,5 milioni e ha mandato per spendere fino a 25 mln per il cartellno che però ne vale 40. Il presidente del Porto, Pinto Da Costa, annuncia: «Resta qui e rinnova». L'agente di Verratti ha parlato di offerta mostruosa da parte di De Laurentiis. Ha incontrato il dg del Psg Jean Claude Blanc, e ha chiesto un aumento d'ingaggio fino a 3 mln, in caso di mancato rinnovo situazione fluida, ma il giocatore è sotto contratto per altre quattro stagioni e ci sono anche Juventus e Fiorentina sull'ex Pescara. La novità più curiosa arriva dal Brasile: Leandro Damiao si sarebbe pentito e avrebbe chiesto un nuovo colloquio con Bigon.
Osvaldo più si riavvicina alla Roma più ha richieste. Nel caso l'Arsenal non riuscisse a chiudere per Luis Suarez è lui la prima alternativa. Episodio curioso: i Gunners sfruttando una postilla sul contratto di Suarez che prevede che se qualche club offre più di 40 milioni i Reds debbano informare direttamente il giocatore, ha pensato di offrire 40 milioni più una sterlina. Indispettito il boss del Liverpool, John Henry, che ha twittato: «Cosa pensate si stiano fumando all'Emirates?».
Aleksandar Dragovic, centrale difensivo del Basilea nel mirino dell'Inter, ha firmato per la Dinamo Kiev, De Sanctis è della Roma, Galliani ha parlato con il presidente Preziosi per rilevare il cartellno di Constant e per il prestito di Kucka, mentre continua il tormentone Honda, i russi vogliono 5 mln. Galliani fa con Honda come Marotta fece con Jovetic: figliolo, se ci vuoi, datti da fare tu. Jovetic è andato al City, Galliani sa che a dicembre il giapponese gli cade fra le braccia gratis.